venerdì, 21 settembre 2018

Emirates, al via restyling del secondo Boeing 777-200LR riconfigurato

Emirates Engineering ha completato la riconfigurazione del secondo Boeing 777-200LR. La conversione del velivolo da 3 a 2 classi è stata eseguita all’interno degli hangar ingegneristici di Emirates, presenti a Dubai. Il restyling del velivolo ha introdotto nuove caratteristiche: sedili più ampi, con file 2-2-2, e spazi comuni in Business Class, e una nuova Economy Class, pensata per regalare ai clienti Emirates una migliore esperienza di bordo.

Il primo Boeing 777-200LR riconfigurato è entrato in operatività lo scorso marzo. I restanti 8 Boeing 777-200LR della flotta Emirates saranno riconfigurati entro la metà del 2019 per volare verso numerose città, tra cui Santiago del Cile, ultima destinazione del sud americana aggiunta al network globale di Emirates. Emirates ha investito oltre 150 milioni di dollari per il restyling del Boeing 777-200LR presente nella flotta.

Grazie al lavoro svolto dagli ingegneri di Emirates con gli stakeholder interni e i fornitori esterni, la compagnia aerea ha impiegato solo 22 mesi per completare – ed essere pronta per il primo volo commerciale – la riconfigurazione del primo Boeing 777-200LR.

Emirates Engineering ha sostenuto un processo complesso per assicurare che il lavoro potesse essere portato a termine con successo e nei tempi previsti. Questo ha incluso un programma dettagliato per delineare le specifiche, rivedere il design e layout, gestire la procura e i contratti con i fornitori, garantire la regolarità delle normative, mantenere in stock le materie prime, gestire i flussi di lavoro, le tempistiche e le risorse per assemblare e mettere a terra il velivolo, riconfigurandone gli interni.

La definizione del design era il punto centrale del processo di riconfigurazione e di layout della cabina – otto sono stati i progetti proposti. Il team ingegneristico ha, inoltre, dovuto ottenere l’approvazione dalle autorità di regolamentazione, incluse la GCAA – Autorità generale dell’aviazione civile – e la FAA – Amministrazione dell’aviazione federale – in modo da modificare il design originario del velivolo. Una volta deciso il design, Emirates Engineering ha lavorato con i fornitori per assicurare la disponibilità di tutte le parti e ricambi necessari per completare il restyling del velivolo – in tutto, il team ha lavorato con oltre 30 fornitori e ha gestito oltre 2.700 parti e ricambi.

Il passo successivo nel processo è stata la messa a terra del velivolo per il restyling della cabina. Durante questo periodo, gli interni originari del velivolo sono stati completamente rimossi e ricostruiti. La riconfigurazione non solo include l’installazione di nuovi sedili, ma anche numerosi cambiamenti come un nuovo cablaggio per il sistema di illuminazione, l’ampliamento in altezza del soffitto in Business Class e la modifica della cambusa per incorporare nuovi spazi comuni, sempre in Business Class. Ci sono voluti 55 giorni a terra per la riconfigurazione del primo velivolo. Tuttavia, come risultato dell’efficienza e di ciò che il team ingegneristico ha imparato con la prima conversione, il restyling del secondo velivolo è stato completato in soli 35 giorni.

Sono stati condotti numerosi test sul velivolo, in diverse fasi, per garantire la sicurezza delle operazioni. Quattro i principali test eseguiti: test di prototipo dove è stato validato il design per la conformità normativa, test funzionale dei componenti di cabina, interferenze elettromagnetiche (EMI) e test del flusso d’aria intro-cabina, e un test di volo della durata di 5 ore con la simulazione di numerosi scenari, di incendi a bordo e test del fumo.

Complessivamente, il team Emirates Engineering ha investito l’equivalente di oltre 16.000 ore lavorative nel design e nell’implementazione del progetto di riconfigurazione del velivolo.

News Correlate