lunedì, 19 novembre 2018

Norwegian ancora una volta regina del ‘green’ sulle rotte transatlantiche

Norwegian si conferma compagnia aerea con il più basso consumo di carburante sulle rotte transatlantiche. A certificarlo lo studio condotto dall’International Council on Clean Transportation (ICCT) che ha analizzato l’efficienza dei consumi di carburante delle 20 più importanti compagnie aeree che hanno collegato l’Europa e gli Stati Uniti nel 2017.

Il vettore aveva già ottenuto questo riconoscimento nel 2015, anno in cui l’ICCT ha pubblicato per la prima volta la sua indagine. Oggi, a conferma del costante impegno nel ridurre il proprio impatto ambientale, Norwegian si piazza nuovamente in testa alla classifica dei vettori più green, superando player come Alitalia e British Airways.

Dallo studio emerge che Norwegian, in media, ottiene un risultato pari a 44 pax-km/L, ovvero riesce a trasportare un passeggero per 44 km per ogni litro di carburante, superando del 33% la media del settore. Nominata per il quarto anno consecutivo anche miglior compagnia aerea low-cost lungo raggio al mondo, Norwegian può vantare una delle flotte più giovani al mondo che comprende Boeing 787 Dreamliner, 737-800 e 737 MAX.

Secondo lo studio, il vettore ha sbaragliato la concorrenza riconfermandosi come compagnia più efficiente in termini di consumi. In particolare, il divario tra Norwegian, prima della classifica, e il fanalino di coda British Airways è del 63%, in netto aumento rispetto all’ultima indagine riguardante l’anno 2014 (report pubblicato nel 2015). Anche con Alitalia il gap è consistente e si attesta intorno al 33%. Norwegian, inoltre, ha ridotto le sue emissioni del 30% dal 2008, grazie al continuo processo di rinnovamento della flotta.

“La cosa più importante che una compagnia aerea può fare per l’ambiente è investire nell’acquisto di nuovi aeromobili. La nostra strategia di avere una flotta moderna sta dando i suoi frutti, non solo per la nostra azienda e per i passeggeri, ma anche per il nostro pianeta. Il risultato dell’indagine dell’ICCT è decisamente la più alta forma di riconoscimento del nostro settore ed è la conferma che siamo sulla strada giusta. Per i viaggiatori, questo rappresenta un motivo in più per volare con noi, un modo per aiutare il nostro pianeta”, ha commentato Bjørn Kjos, fondatore e ad di Norwegian.

“Uno dei più importanti cambiamenti nel mercato transatlantico tra il 2014 e il 2017 è stato l’aumento dell’operatività da parte delle compagnie low cost europee e il sempre maggiore utilizzo di aeromobili nuovi e più efficienti in termini di consumi”, ha aggiunto Brandon Graver dell’ICCT, principale autore dello studio.

News Correlate