mercoledì, 21 novembre 2018

Il 27 settembre la Giornata mondiale del turismo, Italia in prima linea per sostenibilità

Anche quest’anno si avvicina l’appuntamento con la Giornata mondiale del turismo, organizzata dall’Unwto ogni 27 settembre e quest’anno dedicata al turismo sostenibile. E l’Italia con le sue bellezze incommensurabili ma fragili, esposte alle intemperie, bisognose di continui controlli e restauri, dai mosaici di Pompei alle calli di Venezia, dal Foro Romano alle spiagge della Sardegna, è uno dei Paesi che più al mondo dovrebbe festeggiare con particolare interesse e convinzione la Giornata de Turismo. Ancora di più perché quest’anno i numeri italiani sono stati particolarmente buoni con un’estate da record (+16% di presenze in più al mare).

“Mentre in molti settori – sottolinea il ministro Dario Franceschini – il problema è gestire una crisi, nel turismo italiano i dati parlano chiaro e mostrano un sistema in salute che deve trovare soluzioni concrete per governare l’enorme crescita dei viaggiatori che continueremo a registrare nei prossimi anni. Per il nostro Paese – aggiunge il ministro – la sostenibilità è una strategia di sviluppo che punta all’Italia Museo Diffuso per diffondere i benefici di un turismo attento alle identità e eccellenze italiane, che cerca l’esperienza attraverso la conoscenza diretta dei territori, puntando su queste nuove economie che creano occupazione e innovazione”.

Anche a livello mondiale il turismo si conferma come un settore vitale e in crescita solida e costante, traino eccezionale dell’economia. Nonostante gli attacchi terroristici e le tensioni internazionali, infatti, nella prima metà del 2017 ha registrato la miglior performance dal 2010: le diverse destinazioni hanno accolto 598 milioni di turisti internazionali, circa 36 milioni più rispetto allo stesso periodo del 2016.

“Il turismo – spiega il segretario dell’Unwto Taleb Rifai nel suo messaggio ufficiale per il World Tourism Day – è oggi la terza più grande industria di export al mondo. Porta speranza, prosperità e comprensione a tante vite e mezzi di sopravvivenza in tutto il mondo. Solo l’anno scorso oltre 1,2 miliardi di viaggiatori hanno attraversato le frontiere internazionali in un solo anno. Entro il 2030 diventeranno 1,8 miliardi”.

Le celebrazioni ufficiali saranno ospitate quest’anno a Doha in Qatar ma sono previste iniziative in tutto il mondo (tutte le informazioni su http://wtd.unwto.org) e l’Unwto, l’organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite, invita tutti a condividere le proprie immagini di festa anche sui social con gli hashtag #WTD2017 #IY2017 #TravelEnjoyRespect #SDGs.

 

 

News Correlate