lunedì, 24 settembre 2018

Sentenza storica: carcere per chi scrive recensioni false a pagamento

Sentenza decisiva in Italia: un truffatore seriale di recensioni online è stato condannato al carcere. Il Tribunale Penale di Lecce ha stabilito che scrivere recensioni false utilizzando un’identità falsa è un crimine secondo la legge italiana. Il proprietario di PromoSalento, che vendeva pacchetti di recensioni false ai business dell’ospitalità in Italia, è stato condannato a 9 mesi di prigione e al pagamento di circa 8.000 euro per spese e danni.

Le truffe su recensioni a pagamento sono una violazione della legge in numerose giurisdizioni ma questo è uno dei primi casi di esecuzione di una sentenza che ha portato a una condanna penale.

“Crediamo che si tratti di una sentenza storica per internet. Scrivere recensioni false ha sempre rappresentato una violazione della legge ma questa è la prima volta che, come risultato, il truffatore è stato mandato in prigione – ha commentato Brad Young, VP, Associate General Counsel di TripAdvisor -. Investiamo molto nella prevenzione delle frodi e siamo efficaci nell’individuarle: dal 2015 abbiamo bloccato le attività di più di 60 aziende di recensioni a pagamento nel mondo. Ma non possiamo fare tutto da soli ed è per questo che desideriamo collaborare con le autorità competenti e le forze dell’ordine per supportare i loro procedimenti penali”.

“Le recensioni online rivestono un ruolo fondamentale nel turismo e nelle decisioni di acquisto dei consumatori ma è importante che tutti seguano le regole” ha commentato Mr Pascal Lamy, Chairman, World Committee on Tourism Ethics dell’UNWTO -. Le recensioni false violano chiaramente le linee guida del World Committee on Tourism Ethics, che abbiamo pubblicato l’anno scorso per indirizzare a un uso responsabile dei punteggi e delle recensioni sulle piattaforme digitali”.

Infine TripAdvisor ribadisce che chiunque venga approcciato o contattato da aziende o individui che offrono false recensioni non deve instaurare nessun rapporto con loro ma condividere invece le informazioni direttamente con TripAdvisor scrivendo a paidreviews@tripadvisor.com.

News Correlate