martedì, 22 agosto 2017

Valencia al top in Europa per una vacanza da baby turisti

Valencia è la migliore città europea del 2017 da visitare con i bambini. Ad assegnare il riconoscimento l’Osservatorio di Bimboinviaggio.com. Nella città spagnola è infatti possibile attraversare con tutta la famiglia la savana africana, vedere oltre 500 specie dell’ecosistema marino, diventare cavalieri e principesse. Se non è un enorme gioco a cielo aperto o una favola diventata realtà, poco ci manca. Valencia è una città per bambini, il cui divertimento passa anche dall’acquisizione di confidenza con gli spazi e le forme che stanno attorno. Sempre in un’atmosfera di gioco, intendiamoci.
Ed è da queste basi che il Centre del Carme ha deciso di fare da apripista e diventare il primo centro spagnolo di arte a dedicare un’area creativa permanente per i bambini. E allora, dopo aver messo piede in questo spazio culturale (calle Museo, 2) è indispensabile andare subito alla ricerca dell’Espai de telles ovvero la sala di questo speciale progetto per i bambini fino ai 3 anni di età. Quando si dice che Valencia è una città per piccoli turisti le ragioni sono tante. Il Giardino Botanico dell’Università (Quart, 80) ospita ad esempio sessioni collettive di yoga per bambini in un contesto di gioco e relax accompagnato da musiche e storie. In realtà Valencia dispone di molti parchi e giardini in cui trascorrere piacevoli giornate in famiglia. In fin dei conti è la terza città della Spagna. Il Parco Gulliver è un classico, ma è realmente divertente perché i bambini si trasformano in felici lillipuziani che si arrampicano sul gigante Gulliver per poi lanciarsi a tutta velocità dai tantissimi scivoli allestiti sul suo enorme corpo. Il Museo delle Scienze Príncipe Felipe (Av Profesor López Piñero, 7) è un’altra di quelle visite obbligatorie per chi viene qui a Valencia. E anzi, è una delle ragioni per cui accorrere con la famiglia.
A Valencia nulla è lasciato al caso, l’Oceanogràfic non è solo il più grande acquario d’Europa e non consente solamente di scoprire le differenze tra lo squalo toro e lo squalo grigio, tra il pesce serra e il pesce luna, ma anche di trascorrere una notte con loro, dormendo circondati dalle specie più spettacolari che popolano la Torre Oceanos.

www.bimboinviaggio.com

News Correlate