sabato, 18 novembre 2017

Dirigenti Enac in agitazione, 15 novembre voli a rischio

Per la prima volta, domani, mercoledì 15 novembre, i dirigenti dell’Enac incroceranno le braccia. A proclamare lo stato di agitazione è il sindacato Unadis che avverte del rischio concreto del blocco voli dalle 14 alle 18.

“Nonostante le sollecitazioni agli organi politici e i vari incontri istituzionali voluti dall’Unione nazionale dirigenti dello Stato (Unadis), – spiega una nota – nessuna risposta è arrivata ai dirigenti Enac, che da anni vivono una situazione incredibile: sempre maggiori responsabilità e sempre meno personale negli uffici. Situazione che di fatto penalizza gravemente l’attività dirigenziale, senza contare forme contrattuali totalmente inadeguate. Ciò che sta accadendo in Enac per Unadis è un problema che non può più essere rinviato. Ad oggi, nonostante le promesse di attivare un certo numero di assunzioni, non vi è alcun cenno nella legge di stabilità”.

“Il governo si assuma delle responsabilità – chiede Barbara Casagrande, segretario generale Unadis – perché in questa vicenda sono seriamente a rischio i servizi ai cittadini. All’Enac il numero di professionisti e tecnici è ridotto al lumicino, sia in sede centrale sia nelle direzioni operazioni, in delicati ambiti che riguardano la regolazione del settore, la certificazione e la sorveglianza di aeroporti, ditte di costruzione e manutenzione e società di gestione aeroportuali o il controllo dei loro bilanci in carenza di personale specializzato in discipline giuridico economiche”.

 

News Correlate