mercoledì, 12 dicembre 2018

Progetto ‘Prometea’, la Sardegna punta su un agricoltura multifunzionale

Agricoltura come strumento per aiutare chi arriva in Sardegna a conoscere meglio il territorio. È il tema che sarà analizzato sino al 30 novembre tra Seneghe e Alghero nell’ambito del Progetto ‘Prometea’ Interreg Marittimo IT FR-Maritime.

“Il mondo dell’agricoltura ha un ruolo fondamentale per ridisegnare un modello di sviluppo della Sardegna legato ad un turismo sostenibile e di qualità – ha detto Barbara Argiolas, assessora regionale del Turismo – oggi è necessario capire come le aziende dell’agroalimentare possano mettersi a disposizione del turismo e, soprattutto, come possano diventare un valore sia dal punto di vista sociale che economico”.
Secondo Argiolas “i viaggiatori chiedono esperienze di condivisione della vita che si vive nei luoghi che visitano. L’agricoltura al servizio del turismo, col coinvolgimento attivo di imprese e lavoratori, arricchisce l’offerta turistica della Sardegna”.
Il progetto Prometea è nato dall’iniziativa di un partenariato composto da attori diversi: Regione Toscana (capofila), Agenzia Laore Sardegna, Avitem, QUINN, Università si Sassari e Ccias. Nel convegno di apertura della 4 giorni dedicati alla promozione della multifunzionalità nel settore agro-turistico si è parlato di come sia cambiato il ruolo e la visione dell’agricoltura nella società moderna, soprattutto negli ultimi anni.
Maria Ibba, dg di Laore, ha evidenziato “i compiti e i servizi dell’Agenzia sono stati definiti proprio per rispondere alle nuove esigenze delle imprese, supportarle nei molteplici aspetti aziendali oltreché con l’assistenza tecnica. La nostra missione è favorire lo sviluppo agricolo e rurale in maniera integrata: sappiamo che le imprese agricole da sole non possono reggere la sfida della globalizzazione e la competizione dei mercati internazionali”.

News Correlate