mercoledì, 21 novembre 2018

Rocco Forte compra Villa Igiea, Algebris il Des Palmes e Giotti l’Excelsior

Si è conclusa senza particolari sorprese la quarta fase della procedura di vendita dei complessi immobiliari ed aziendali di Amt Real Estate Spa e di Acqua Marcia Turismo in liquidazione Srl con aggiudicazione definitiva di tre hotel di Palermo. L’ultima struttura residua dell’originale portafoglio alberghiero, l’hotel Mercure Excelsior Catania, è attualmente oggetto di valutazione da parte della procedura.

Come informa una nota riportata da ilsole24ore.com, l’hotel Villa Igiea e il Grand Hotel et des Palmes di Palermo sono stati aggiudicati rispettivamente al gruppo Rocco Forte (di recente la rilevato Torre Maizza in Puglia, e in Sicilia ha già il Verdura resort di Sciacca) e alla società Algebris di Davide Serra. Villa Igiea per di 25,5 milioni, mentre il Grand Hotel et des Palmes è stato acquistato per 12 milioni.

L’Excelsior di Palermo, come già accaduto per il Des Etrangers di Siracusa, è stato invece aggiudicato alla famiglia Giotti di Firenze già proprietaria dell’Hotel The Ashbee di Taormina e che negli ultimi anni sta implementando la propria presenza in Sicilia. In passato il gruppo aggiudicatario aveva acquisito una importante area nel centro di Taormina, all’interno della quale è presente una ricca area archeologica, accanto alla quale sorgerà il Basileion, destinato a diventare la punta di diamante del gruppo Luxury Private Properties. L’importo di aggiudicazione è stato pari a complessivi 9 milioni.

Le parti sono state assistite da Realty Advisory S.p.A, esclusivista per l’Italia del marchio Coldwell Banker Commercial.

“Queste ultime operazioni – dichiara Giuseppe Rojo, ad e fondatore della filiale italiana di Coldwell Banker Commercial – confermano l’interesse degli investitori stranieri per il nostro Paese. Ci sono grandi spazi di crescita. Secondo i dati Istat, su oltre 33mila alberghi registrati conta soltanto l’1,4% di strutture appartenenti alla fascia 5 stelle, con un 3,3% di posti letto sul totale. Da qui il progressivo interesse delle Sgr per lo sviluppo di fondi dedicati al segmento luxury”.

News Correlate