venerdì, 17 agosto 2018

Profondo rosso per Airgest, servono 9mln di euro della Regione per salvare Birgi

Conti in profondo rosso per Airgest Spa, società di gestione dell’aeroporto di Trapani. Tra capitale eroso e perdite d’esercizio, la società ha bisogno di 9 milioni di euro. A dovere aprire i cordoni della borsa è la Regione, azionista di riferimento con una partecipazione pari al 99,93% delle quote sociali.

“Il pre-consuntivo di Airgest Spa, al 31 dicembre, evidenzia già un patrimonio netto negativo di 1.297.300 euro e la conseguente necessità di intervenire sia per la copertura delle perdite, per il quale è previsto l’apposito fondo perdite partecipate, sia per la ricostituzione del capitale fino al livello richiesto dall’autorità di vigilanza aeronautica per la classe aeroportuale di Trapani-Birgi – si legge nella nota integrativa del bilancio di previsione della Regione per il 2018 – Si rende necessaria pertanto una teorica operazione di soccorso finanziario complessivo pari a 9.043.954 euro, comprendente sia il ripianamento delle perdite che il rafforzamento patrimoniale”.

Il governo Musumeci, tuttavia, precisa che l’azionista pubblico Regione siciliana potrà deliberare solo se risulteranno rispettati i rigorosi vincoli previsti dalla legge, “considerato che la compagnia registra perdite negli ultimi esercizi”.

News Correlate