mercoledì, 24 ottobre 2018

La Sicilia si presenta a Rimini con gli operatori turistici ‘separati in casa’

(di Toti Piscopo) Anche la Sicilia sarà presente al TTG Incontri di Rimini, grazie ai fondi europei, con uno stand di 600 mq per presentare la propria immagine e, secondo i progetti originari, anche gli operatori turistici siciliani. Però quest’ultimi non saranno ospitati in tale spazio per ottemperare a delle normative europee sempre più esigenti e poco inclini a qualunque livello di flessibilità, così come abbiamo già raccontato nelle nostre pagine nei giorni scorsi.

 

Sembra infatti che i capitoli di spesa per la promozione turistica possano essere attinti dagli stanziamenti per l’Assessorato al Turismo mentre per il sostegno alle piccole e medie imprese le risorse siano quelle a disposizione delle Attività produttive. Vani sono risultati i tentativi, a detta dei funzionari dell’Assessorato al Turismo, di individuare una soluzione possibile e legittima, ma l’esito lascia l’amaro in bocca.

 

Infatti nell’appuntamento B2B di riferimento del mercato turistico internazionale, in cui l’incontro tra domanda ed offerta tra addetti ai lavori costituisce la specificità, l’Assessorato al Turismo della Regione siciliana, anche se non per propria volontà, emargina, almeno nella forma, gli operatori turistici, almeno quelli che si sono autonomamente organizzati all’ultim’ora, in un’area limitrofa messa a disposizione dagli organizzatori.

 

Ma questa scelta, sicuramente legittima anche se assolutamente inopportuna, non contribuisce a deteriorare quella immagine che si vorrebbe rilanciare??? Immagine, brand, sinergia, concertazione, sistema sono vocaboli privi di significato se non corroborati da fatti e non da pie intenzioni o esortazioni. Come sempre, tutti avranno ragione, nessuno avrà colpe e la verità non facilmente emergerà, compromettendo anche la realtà dei fatti.

 

Ancora una volta bisogna prendere atto del problema e affrontarlo con una vera e profonda analisi ammettendo che il nostro sistema burocratico amministrativo è in fase di implosione ed occorre individuare un nuovo modello di organizzazione.

Oggi,comunque vada ,ci si vede al TTG Incontri per parlare di business, nonostante tutto.

News Correlate