domenica, 20 gennaio 2019

Parco dei Nebrodi, ora è più facile fare trekking e anche sciare

Completati 70 chilometri del “Sentiero Italia”

Da oggi è più facile godersi una passeggiata nel Parco dei Nebrodi. Grazie ad un progetto dell'Ente Parco e del Cai Sicilia, infatti, sono stati tracciati e segnati tre tratti da 70 km complessivi del cosiddetto "Sentiero Italia", spina dorsale della rete sentieristica nazionale, con 350 tappe per un totale di oltre 6 mila chilometri, dalla Sardegna a Trieste attraverso le isole maggiori, gli Appennini e le Alpi.
Il sentiero appena completato è uno dei primi tratti ben segnati e fruibili nell'Isola. In buona parte segue la pista "Dorsale dei Nebrodi", in altri è stato segnato su piste parallele, tracce di sentiero alternative che consentono di accorciare il tragitto riservandolo solo ad escursionisti a piedi.
Nei quasi 70 chilometri di cammino la maggior parte si percorrono dentro fittissime faggete, intervallate a volta da pascoli e radure o dai passaggi in riva a laghi o corsi d'acqua. Il periodo consigliato per il trekking va da maggio a novembre. Nei mesi invernali alcuni tratti si prestano ad attività sportive come lo sci di fondo, lo sci escursionistico e le passeggiate con le ciaspole. La segnaletica orizzontale, anche sugli alberi, prevede infatti di essere seguita anche con innevamento.
Accanto al tracciato principale, segnato da est a ovest, si possono percorrere da nord a sud varianti e bretelle che collegano il "Sentiero Italia" a diverse località sparse nei territori dei Comuni del Parco. L'escursionista potrà quindi scegliere di iniziare o modificare il proprio itinerario percorrendo queste bretelle o programmando itinerari ad anello.
Il Cai ha proposto di ottimizzare la fruizione dell'intero tracciato organizzando una vera e propria "rete sentieristica".

News Correlate