venerdì, 22 settembre 2017

I ‘Greeters’ sbarcano anche a Firenze

Anche a Firenze, dopo Napoli e Torino, arrivano i ‘Greeters’, gruppo di volontari innamorati del luogo in cui vivono e desiderosi di farlo conoscere a chi lo visita.

“Non accompagneremo i turisti dentro musei, chiese o monumenti: per quelli ci sono gli operatori professionisti – spiega Andrea Palchetti, nel nucleo fondante della branca fiorentina dell’associazione – Alla base dell’iniziativa ci sono umanità e desiderio di scambio culturale. Per partecipare non servono requisiti particolari: occorre soltanto essere maggiorenni e avere qualche ora al mese da dedicare al progetto. Ci si iscrive sulla nostra pagina web (www.globalgreeternetwork.info, ndr), indicando la propria disponibilità, le lingue parlate e le aree di interesse: appena riceviamo la richiesta da parte del turista, organizziamo l’incontro, che può durare un paio d’ore o più, a seconda del feeling che si crea”.

“Sosteniamo questa iniziativa perché va nell’ottica di fare dei cittadini i protagonisti dello sviluppo e della promozione della città – spiega Giovanni Bettarini, assessore allo sviluppo economico e al turismo di Palazzo Vecchio – I Greeters non sono guide turistiche, hanno un ruolo completamente diverso. Sono dei fiorentini che amano Firenze e vogliono farla conoscere ai visitatori rendendola anche più aperta e accogliente. Pensiamo che sia anche attraverso iniziative di questo tipo che possiamo rendere Firenze più forte sul turismo”.

News Correlate