venerdì, 14 dicembre 2018

Siena, in Piazza del Campo si rievoca il ‘mercato grande’ medievale

A Siena rivive il ‘Mercato nel Campo’: sabato 1 e domenica 2 dicembre 2018 la piazza torna alle sue origini medievali e ospita un singolare evento di vita quotidiana. Si rievoca il ‘mercato grande’ che, ai tempi della Repubblica di Siena, rappresentava una delle principali forme di approvvigionamento e lo si fa secondo le regole di allora.

I migliori prodotti della tradizione senese e alcune eccellenze provenienti da ogni parte d’Italia saranno in mostra a Piazza del Campo dove verranno disposti oltre 150 banchi seguendo le indicazioni date nel XIV secolo dalle autorità comunali, come racconta il ‘Costituto Senese’, prima carta costituzionale scritta in volgare, che fu adottata nel 1309 per regolare la vita della città.
Il cuore del centro storico tornerà così ad essere area di commercio e di relazioni sociali: i visitatori potranno assaggiare e conoscere, chiedendo agli stessi produttori curiosità e informazioni.

E nell’anno che il MIBACT ha dedicato al cibo italiano, anche il Mercato nel Campo è incentrato su questo tema con un programma di appuntamenti collaterali. Il Cortile del Podestà di Palazzo Pubblico sarà allestito come uno spazio per l’arte gastronomica, in linea con lo spirito di Vetrina Toscana, il progetto di Regione e Unioncamere Toscana che promuove ristoranti e botteghe che utilizzano i prodotti del territorio. Giovani cuochi e chef di eccezione si alterneranno nelle esibizioni, mentre in uno specifico spazio di piazza del Campo sarà allestita ‘Sorsi d’Arte’, una enoteca dove aziende vinicole e produttori di birra esporranno i loro ‘tesori’, mentre barman professionisti dimostreranno come vino e birra possano diventare ottimi componenti per aperitivi e cocktail. Tutto intorno, i ristoranti che affacciano sulla piazza interpreteranno le richieste di cibo da strada proponendo le loro pietanze in versione ‘da passeggio’.

Nelle mattine del sabato e della domenica il Cortile del Podestà diventerà anche uno spazio per i più piccini: qui, i bambini potranno giocare con il cibo in compagnia di cuochi e pasticceri che li seguiranno nella loro esperienza Infine, singolari percorsi a tema dedicati al legame tra cibo e arte, saranno oggetto di una serie di itinerari guidati ad alcuni capolavori dell’arte senese.

News Correlate