edizione Nazionale
Home at Hotel sempre più green grazie alla collaborazione con SeDiciAlberi
notizia pubblicata 11 luglio 2019 alle ore 12:38 nella categoria Alberghi

Dalla collaborazione fra Home at Hotel e SeDiciAlberi nasce una nuova opportunità per contribuire a contrastare i cambiamenti climatici. Home at Hotel, società di gestione degli appartamenti in affitto breve, ha reso pienamente sostenibili dal punto di vista ambientale i soggiorni nei suoi alloggi. Grazie alla partnership con SeDiciAlberi, startup impegnata nella riduzione della CO₂ e partner internazionale di Plan Vivo Foundation, tutti gli ospiti ricevono in regalo un albero. La modalità è quella dell’adozione, che prevede di piantare e mantenere un albero all’interno di un programma internazionale di riforestazione, attivo nelle aree a minore sviluppo del pianeta e più colpite dal disboscamento. Alloggiare in un appartamento gestito da Home at Hotel significa, quindi, scegliere un soggiorno che grazie all’iniziativa ‘La Casa con l’Albero’ diventa sostenibile, compensando le emissioni connesse al consumo di energia elettrica con le capacità di assorbimento dell’albero.

Le attività di riforestazione, inoltre, aiutano le popolazioni coinvolte, garantendo impiego e sostegno alimentare. Il progetto di riforestazione sostenuto da Home at Hotel è CommuniTree a San Juan de Limai, in Nicaragua. A rinforzarlo c’è la consegna di un certificato personalizzato, come testimonianza dell’azione compiuta, e la possibilità di prendersi cura della pianta su Plant Care, un luogo virtuale dove innaffiarla regolarmente, consultare il suo stato e la riduzione di emissioni di CO₂ a cui contribuisce.

“Fin dalla nascita, Home at Hotel persegue l’obiettivo di un’attività sostenibile – dice il direttore Operativo Francesco Postiglioni – attenta all’ambiente e alle iniziative sul territorio. Questo nuovo progetto ci permette di agire concretamente anche su una scala più ampia: stimiamo nell’anno la gestione di circa 4.000 prenotazioni, che porteranno all’assorbimento di 40 tonnellate di anidride carbonica”.