venerdì, 15 novembre 2019

Teramo, flessione per le presenze turistiche

Tra maggio e giugno prenotazioni in calo del 30% rispetto al 2007

Confindustria Alberghi di Teramo denuncia una consistente flessione delle presenze turistiche negli alberghi della costa adriatica teramana: dal 30% al 50%. In una nota ufficiale, Confindustria Alberghi denuncia “una consistente flessione delle presenze turistiche negli alberghi della costa adriatica teramana”, a un mese e mezzo dall'inizio delle attività imprenditoriali legate alla balneazione, tradizionalmente interessate dall'aumento della popolazione in provincia. Da un'indagine effettuata dalla sezione su un campione di circa 35 alberghi operanti a Martinsicuro, Alba Adriatica e Tortoreto, è emerso che nel periodo compreso tra gli inizi di maggio e la metà del mese di giugno il calo delle prenotazioni rispetto all'anno scorso è stato in media del 30%, raggiungendo in alcuni casi la preoccupante percentuale del 50%. Un altro dato su cui riflettere, secondo Confindustria Alberghi di Teramo, è rappresentato dal fatto che quest'anno, nella prima settimana del mese di maggio, soltanto il 10% degli alberghi risultava in attività mentre l'anno scorso le strutture aperte rappresentavano il 40% del totale.

News Correlate