domenica, 20 ottobre 2019

Turismo invernale, si pensa ad un nuova stazione sulla Sila

Lorica, nella Sila, sarà la seconda stazione di sport invernali in Calabria, dopo Camigliatello, in provincia di Cosenza. L’obiettivo è consegnare entro Natale una cabinovia automatica e, subito dopo, una seggiovia biposto, uno skilift e nuove piste da sci, dotate di impianto di innevamento artificiale. L’investimento, pari a 16 milioni di euro, riguarda anche il progetto ‘Skipass Sila’ per la gestione privata delle opere, come previsto dal Pisl ‘Lorica Hamata in Sila amena’ del Por Calabria.

Intanto si pensa già ad un collegamento tra le stazioni di Lorica e di Camigliatello e non mancano gli scettici. “La normativa ci impone di rinnovare solo gli impianti esistenti – precisa Michele Laudati, direttore del Parco nazionale della Sila – La distanza fra le due località sciistiche comporterebbe la costruzione di nuovi tratti. E questo al momento non è possibile”.

Pronta a ripartire, invece, la vecchia ferrovia silana, sulla quale viaggerà la vaporiera 353, treno per il turismo e la mobilità sostenibile che attraverserà i comuni dell’altipiano: intorno alla strada ferrata un paesaggio mozzafiato. L’istanza di inserimento nel Por appena approvato lascia intendere una rapida riattivazione della tratta. Fissata a novembre la riunione del Comitato per la messa in opera del progetto.

“Sono previste numerose fermate intermedie – spiega Laudati – dove i turisti troveranno ristoranti, botteghe artigiane e nuovi sentieri naturalistici”.
Attualmente il parco dispone di 700 km di percorsi naturalistici, una rete disegnata dal Cai, per la valorizzazione e la promozione del patrimonio ambientale, all’interno di 77mila ettari, che comprendono 22 comuni e 3 province diverse.

News Correlate