lunedì, 25 marzo 2019

Parma va alla conquista della Svizzera con una campagna ad hoc

Parma punta sulla Svizzera, con l’obiettivo di diventare una delle destinazioni d’elezione del turismo elvetico. E allora, ‘Ich liebe Parma!’, Parma quanto mi piaci! L’obiettivo è coltivare un trend già molto positivo che ha visto, nei primi mesi del 2018, un incremento del 10,3% di presenze dalla Svizzera in città. Lo dicono i dati che incrociano pernottamenti e presenze di turisti in tour a Parma. “Dopo Francia, Germania e Stati Uniti e molto vicini al Regno Unito, al quinto posto sono gli svizzeri a scegliere la nostra città per viaggi e vacanze – spiega Cristiano Casa, assessore a Turismo e Commercio del Comune di Parma – E non è tutto: dopo Veneto, Trentino Alto Adige, Toscana e Lombardia è l’Emilia Romagna la regione italiana più visitata”.

Ben prima di mete più mediterranee come Sardegna, Sicilia e Puglia, gli svizzeri scelgono, dunque, la via Emilia. Un bell’assist da parte di un Paese che non ha sbocchi sul mare. Per questo il Comune di Parma ha messo in atto una strategia di comunicazione progressiva che si concentra per ora sulla Svizzera tedesca, dato che, per il 65%, la prima lingua parlata in Svizzera è proprio il tedesco. Il progetto ha preso il via oltre un anno fa, studiando i dati del Fespo – The Holiday and Travel Fair, una delle principali fiere di settore che si tiene a Zurigo. Lo scorso novembre, poi, è stata l’Ambasciata italiana ad invitare Parma a Basilea, nell’ambito della 3^ edizione della Settimana della cucina italiana nel mondo.

“Ad inizio marzo – spiega Casa – è partito un progetto di comunicazione integrata web e social affinché Parma abbia una vetrina su una serie di media sia di settore, sia generalisti partendo da un dato certo: il 48% degli Svizzeri utilizza i social, ma soprattutto il 67% usa internet per prenotare i propri viaggi e solo 1 su cinque si rivolge, invece, alle tradizionali agenzie”.
Il principale obiettivo è intercettare i viaggiatori pronti a partire per i lunghi ponti della tarda primavera, fra Pasqua e Pentecoste. Si rinnova, poi, la collaborazione con i canali di comunicazione delle Ferrovie Federali Svizzere, attraverso l’attenzione che sito e newsletter dedicheranno alla nostra città, con l’obiettivo di arrivare a fine 2020 al lancio del treno diretto Zurigo – Bologna, via Parma. Una serie di educational per la stampa svizzera permetterà, inoltre, ad alcuni giornalisti elvetici di approfondire e raccontare le eccellenze del nostro territorio, mentre Parma sarà ancora presente, in primavera, in alcune città della Confederazione per raccontare il palinsesto dei principali eventi del 2019.

“Parma è, per molte ragioni, una meta ideale per gli svizzeri, un prezioso scrigno di grandi scoperte dall’enogastronomia alla cultura – continua l’assessore Casa – è un segmento di mercato strategico per noi: con un Pil dato in crescita del 1,9% anche per il 2019, il cittadino svizzero ha un buon potere d’acquisto, ama spostarsi in auto o in treno anche per un break di 3 o più giorni e in massimo 4 ore può essere nella nostra città”.
É questa, infatti, la fotografia scattata da una serie di statistiche fra cui quella di Enit: il 90% degli svizzeri intraprende almeno un viaggio all’anno all’estero ed è disposto a spendere circa 130 euro al giorno per il soggiorno. Il 63% degli elvetici viaggia alla ricerca di relax fra arte, cultura ed enogastronomia, il 38% cerca esperienze uniche e il 46% apprezza l’ospitalità dei residenti e ama acquistare prodotti tipici.

News Correlate