Aperture prolungate per il Faro della Vittoria

Un orario più ampio di apertura e una gestione allargata al parco circostante, sono alcune delle novità per la proposta turistica del Faro della Vittoria di Trieste, riaperto dopo che la gestione è passata all’Amministrazione regionale del Friuli Venezia Giulia. Ad annunciare le novità Gianni Torrenti, assessore regionale alla Cultura.

L’obiettivo è fare della struttura, che domina il Golfo di Trieste, uno dei punti di riferimento del pacchetto turistico e culturale della regione e della città. L’accesso pubblico al Faro è regolato da una convenzione sottoscritta il 31 marzo da Regione, Erpac e Marina Militare.
Il faro è visitabile tutti i sabato e domenica fino alla seconda domenica di ottobre, di mattina (10-13) oltre che di pomeriggio (15-19). Previste aperture straordinarie per le festività pasquali, il 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno e 16 agosto. In occasione della Barcolana, il secondo sabato e domenica di ottobre, l’apertura è dalle 9.30 alle 17.30.
L’accesso alla parte operativa del Faro, da cui viene proiettato il fascio di luce attraverso dei meccanismi dall’ottica rotante a galleggiamento di mercurio, rimane riservata agli addetti ai lavori. Il Faro della Vittoria, alto 67,85 m, monumento nazionale, adempie a due funzioni: commemorare i marinai caduti nella Prima Guerra Mondiale e fare da guida alla navigazione notturna nel Golfo di Trieste.

News Correlate