mercoledì, 22 maggio 2019

Natale e tradizioni lungo le vie dei 100 presepi

Un originale percorso artistico e culturale nelle piazze del Friuli

Fascino e suggestione dei presepi in un originale percorso artistico e culturale che lungo le vie, le chiese e le piazze del Friuli Venezia Giulia racconteranno a grandi e piccini il mistero della Notte Santa. Fra tradizionali e monumentali, sono oltre 100 i presepi che celebreranno la nascita di Gesù in più di 70 comuni della regione. A Poffabro, dal 15 dicembre al 15 gennaio appaiono, sui davanzali delle case e negli angoli più suggestivi, presepi grandi e piccoli. A Gemona del Friuli sarà esposto fino alla fine di gennaio, nella scuola Santa Maria degli Angeli, il presepio animato da statuine dipinte da personaggi famosi come il tenore Luciano Pavarotti, Giorgio Armani, Raffaella Carrà e Laura Pausini, accanto a quelle ideate dai bambini. In delicato vetro di Murano è il Presepe dei Cramars, i vecchi venditori ambulanti carnici di spezie, esposto a Ravascletto dal 17 dicembre al 18 gennaio. Suggestivo è il presepio del lago di Cornino di Forgaria: dopo la celebrazione della messa, la notte del 24 dicembre, viene fatto emergere da un gruppo di sub dalle acque del lago, illuminato da un fascio di luce. In Canal del Ferro, i presepi diventano occasione per cimentarsi nell’arte in tutte le sue forme: dal 10 dicembre al 20 gennaio saranno esposti, nella torre medievale e nelle vetrine del centro del paese, decine di presepi realizzati con le tecniche più varie, dalla pittura al ricamo, alla scultura. Diversi i presepi nel territorio del comune di Faedis: quello nella parrocchia di Santa Maria Assunta sarà visitabile dal 23 dicembre al 6 gennaio. In località Collina di Candeo, c’è il presepe monumentale, in legno, dislocato su una superficie di 200 metri quadrati. Scendendo dalle montagne si possono ammirare diversi presepi alle porte di Udine. Famoso quello allestito all’aperto, ad Ara di Tricesimo. Nella Bassa friulana, a Corgnolo, in comune di Porpetto, c’è il presepe rurale all’aperto con statue a grandezza naturale, costruito su una superficie di 5.000 metri quadrati negli ambienti più rustici del borgo, reso ancora più suggestivo dall’illuminazione notturna, visitabile dal 23 dicembre al 15 gennaio.

News Correlate