Grotte, tour speleo-turistico dal Carso alle Alpi

Esplorare 18 km di cavità del Col delle Erbe in maniera sicura

Per esplorare in maniera sicura il complesso di cavità del Col delle Erbe che si estende sotto le Alpi Giulie per circa 18 chilometri, è stato ideato un tour speleo-turistico può cominciare da quella che è la regina fra le cavità, e non solo della regione: la Grotta Gigante, a Sgonico, sull'altipiano di Trieste. Dal Carso si può poi raggiungere la "Grotta di San Giovanni D'Antro", un antico luogo di culto nelle Valli del Natisone, poco lontano dalla storica cittadina di Cividale del Friuli. La cavità si apre fra opere murarie e anfratti naturali che concorrono a creare il presbiterio di una cappella e una sacrestia. Da qui il viaggio "usque ad inferi" in Friuli porta che portare il visitatore attraverso i paesaggi dei Colli Orientali fino a Villanova, nell'alta Valle del Torre, dove la "Grotta Nuova" è la più estesa in Europa fra quelle formate da due banchi rocciosi. Le sue gallerie, scoperte nel 1925, sono attraversate da un fiume sotterraneo e si diffondono fra cavità di tutte le dimensioni per circa otto chilometri, in buona parte illuminati e visitabili. Spostandosi sulle dolomiti friulane si potrà visitare la "Grotta Verde" di Pradis, a Clauzetto, che prende il nome dai colori smeraldi delle sue pareti. Anche questa grotta è un luogo dedicato al culto della Madonna.

News Correlate