Portovenere e Castelnuovo Magra si incontrano e fanno sistema

Grand Hotel Portovenere e Pop Eat Nutriamo il Borgo hanno raccontato alla stampa il loro incontro e le loro rispettive iniziative per unire due angoli lontani dello stesso territorio. Grand Hotel Portovenere è il boutique hotel 5 stelle di Portovenere, caratterizzato da arredi moderni, atmosfera raffinata e servizio di prim’ordine.

Cristina Raso, Responsabile Marketing e Comunicazione del Grand Hotel Portovenere, ha raccontato l’Ottica Glocal grazie alla quale l’hotel presidia il territorio e comunica al suo target internazionale, che arriva a Portovenere non solo per visitare le Cinque Terre ma anche per scoprire le bellezze del Golfo dei Poeti.

La definizione di ‘Ambasciatori del Territorio’, secondo Raso, è la definizione che meglio descrive la loro strategia. Ospitare il lancio di un festival che prederà vita in un luogo diametralmente opposto a Portovenere è in linea perfettamente con la nostra visione. Distante da ogni campanilismo, concretamente attiva su trovare affinità e una ‘squadra con cui poter parlare davvero di una destinazione.

Cristina Raso sarà ospite il 18 agosto proprio a ‘Pop Eat Nutriamo il Borgo’ e attraverso un talk parlerà delle esperienze turistiche del Grand Hotel Portovenere e delle molteplici attività che il Palmaria Restaurant e Venus Bar mettono in campo per essere vicini al territorio e consolidare la propria presenza come hub enogastronomico.

Anche il Festival Pop Eat Nutriamo il Borgo, ideato e organizzato da Orianna Fregosi, storica dell’arte specializzata in marketing e valorizzazione del territorio, vuole rendere omaggio al territorio, nutrirlo di esperienze pensate e selezionate grazie al background sviluppato fuori dai confini locali. Nato nel 2016 con il patrocinio del Comune di Castelnuovo Magra (SP), l’evento celebra la cucina locale, preparata e servita negli atri del borgo, l’arte, la musica e la convivialità. Ogni anno viene scelto un tema che orienta sia il percorso artistico che culinario sviluppato durante l’evento. In particolare, dal 2017, il Festival si lega a doppio filo alle tematiche della mostra annuale di fotografia allestita nella Torre del Castello dei Vescovi. Quest’anno il tema è quello della ‘Strada’ intesa come luogo di scambio, contaminazione, luogo in cui le nonne si scambiavano le ricette e i piatti appena fatti.

News Correlate