Le donne pilota di easyJet tra i banchi di scuola per combattere gli stereotipi di genere

Si è tenuto presso l’istituto onnicomprensivo Scuola Europa di Milano il lancio della campagna di sensibilizzazione ‘Un giorno da pilota”’ ideata da easyJet, e patrocinata dal Comune di Milano, dedicata ai temi della diversità di genere e dell’emancipazione femminile con lo scopo di promuovere una cultura più inclusiva e combattere gli stereotipi di genere fin dalla tenera età.

L’evento ha visto la partecipazione di Daria Colombo, Delegata del sindaco Sala per le Pari Opportunità e di Genere, Lorenzo Lagorio, Country Manager easyJet Italia e Patrizia Pasqualini, Preside della primaria di Scuola Europa.
Combattere gli stereotipi di genere, promuovere una cultura più inclusiva favorevole alla diversità, a partire dalle giovani generazioni. Questo il messaggio di easyJet alle due classi di studenti della primaria di Scuola Europa che hanno partecipato all’evento di lancio del progetto educativo ‘Un giorno da pilota’.
Una ricerca easyJet ha evidenziato come i bambini maschi siano più propensi a considerare la carriera da pilota rispetto alle bambine, e che il desiderio di diventare pilota si sviluppa in età diverse ed in particolare molto più tardi nelle ragazze rispetto ai ragazzi.
La professione del pilota è ancora percepita come prettamente maschile e lo confermano i dati: la percentuale di piloti donna nel mondo rappresenta, infatti, solo il 4% del totale. Per questo motivo easyJet ha scelto di portare alcune delle proprie donne pilota tra i banchi di scuola e raccontare ai bambini la loro esperienza, esortandoli a sognare oltre i confini dell’immaginario comune.
Da anni easyJet promuove le carriere femminili nell’aviazione civile e si propone di avvicinare le ragazze alle opportunità professionali, spiegando loro come il lavoro del pilota sia sempre più accessibile alle donne attraverso iniziative positive ed incoraggianti come – ad esempio – la campagna ‘Amy Johnson’, lanciata nel 2015 proprio con l’obiettivo di avvicinare sempre più talenti femminili alla cabina di pilotaggio.
“Siamo orgogliosi di poter contribuire allo sviluppo di una cultura più inclusiva e libera dagli stereotipi di genere mettendo al servizio della comunità le nostre competenze. easyJet crede fermamente che un ambiente di lavoro maggiormente inclusivo e aperto alla diversità contribuisca a generare valore per la compagnia e per i suoi passeggeri. Per questo ci siamo posti degli obiettivi ambiziosi in termini di recruiting per tutto il nostro network europeo e anche per l’Italia. Grazie all’entusiasmo di Scuola Europa e alla preziosa collaborazione del Comune di Milano, iniziamo oggi un viaggio tra le scuole italiane attraverso il quale intendiamo avvicinare le generazioni del futuro al mondo dell’aviazione, portando esempi virtuosi e supportando i percorsi educativi proposti dagli insegnanti”, ha detto Lorenzo Lagorio, Country Manager di easyJet in Italia.

News Correlate