Malpensa, la Regione Lombardia si schiera a favore

Approvato un odg che punta al rilancio dello scalo e di Alitalia

La Regione Lombardia si schiera a difesa di Malpensa con un ordine del giorno bipartisan articolato in sette punti. Si va dal confronto sul sistema aereo con il Governo e le altre Regioni, prevedendo un “adeguato rilancio di Alitalia quale compagnia di riferimento abbandonando la consuetudine di continue ricapitalizzazioni improduttive fatto con denaro pubblico”, fino all’invito al governo perché il piano industriale di Alitalia “confermi l’aeroporto di Malpensa come hub internazionale e nucleo portante del trasporto aereo”. Nel testo, fra l’altro, si chiede l’attuazione dell’accordo sul sistema aeroportuale della Lombardia firmato da Alitalia, da Provincia e Comune di Milano, dalla Regione e da Sea, che prevede anche il “riequilibrio delle basi operative del personale navigante operante a Malpensa e Fiumicino”, ovvero il trasferimento di hostess e piloti a Milano, visto che la base del 95% di questi dipendenti Alitalia è Roma. Inoltre, si sollecita il Governo a realizzare tutti i collegamenti per rendere più facile raggiungere Malpensa, quindi la realizzazione della Pedemontana (mentre la Brebemi dal testo finale è stata sostituita da un più generale accenno ai collegamenti Est Ovest) e l’alta capacità (tolto il riferimento alla Tav). Infine, pur mancando l’accenno diretto alla compagnia del Nord, resta l’impegno, se “le scelte del Governo dovessero prefigurare un progressivo abbandono dello scalo di Malpensa da parte di Alitalia, ad attivare tutte le azioni per rispondere alla domanda di trasporto aereo”. Tra queste, anche “la cessione di tutti gli slot operanti nell’aeroporto”.

News Correlate