Parco nazionale dello Stelvio punta alla Carta Europea del Turismo sostenibile

È stata presentatala candidatura del Parco nazionale dello Stelvio alla Carta Europea del Turismo sostenibile (Cets) e contestualmente è stata sottoscritta la Convenzione quadro sul monitoraggio, la conservazione e gestione delle risorse.

“Dentro una cornice condivisa e unitaria – ha commentato Massimo Sertori, assessore regionale alla Montagna, Enti locali e Piccoli Comuni – Regione Lombardia e le Province Autonome di Trento e Bolzano daranno energia e forza allo sviluppo del Parco nazionale dello Stelvio”.
All’iniziativa erano presenti, in rappresentanza dei tre Enti competenti territorialmente per il Parco, anche Maria Magdalena Hochgruber Kuenzer, assessore allo Sviluppo del Territorio, Paesaggio e Beni culturali della Provincia Autonoma di Bolzano, Mario Tonina, assessore all’Urbanistica, Ambiente eCooperazione della Provincia Autonoma di Trento, Ugo Parolo, presidente del Comitato di Coordinamento e Indirizzo del Parco nazionale dello Stelvio, e Agostino Agostinelli di Federparchi.

Sempre nel solco tematico della sostenibilità, è stata sottoscritta oggi, dai tre assessori presenti, la Convenzione quadro sul ‘Monitoraggio, conservazione e gestione delle risorse naturali e della biodiversità’, che fa seguito all’approvazione delle ‘Linee Guida su monitoraggi e ricerca scientifica’ e prevede l’articolazione delle attività secondo 4 ambiti operativi: la raccolta dati che il team del Parco sarà in grado di produrre; le azioni di monitoraggio ambientale; le attività finalizzate a fornire soluzioni sostenibili per una corretta fruizione e conservazione del Parco; la costruzione di competenze fondamentali in sintonia con le caratteristiche del Parco.

News Correlate