Mostra Lotto, si va verso le 10mila presenze. Boom visitatori a Macerata

A due mesi dall’apertura, la mostra ‘Lorenzo Lotto. Il richiamo delle Marche’ sta per toccare quota 10mila presenze. Sono infatti 8.718 le persone che dal 19 ottobre hanno potuto ammirare i capolavori del pittore veneziano, allestiti a Palazzo Buonaccorsi a Macerata. Fino al 10 febbraio sono già previsti 1.254 visitatori attraverso gruppi organizzati e 1.292 studenti delle scuole di ogni ordine e grado che hanno programmato un’uscita guidata a Palazzo Buonaccorsi.
Positivi gli effetti turistici: nel mese di dicembre numerosi gruppi hanno soggiornato in città per poi dirigersi verso un’altra destinazione lottesca tra gli otto Comuni – Ancona, Monte San Giusto, Jesi, Mogliano, Cingoli, Recanati, Urbino e Loreto – dove sono conservate le opere di Lorenzo Lotto. Anche durante le feste natalizie sono previsti dei viaggi organizzati a Macerata.

“La destagionalizzazione è stata una scelta coraggiosa – dice Moreno Pieroni, assessore regionale alla Cultura – e si sta rivelando vincente. Portiamo visitatori, turisti alla scoperta dei percorsi lotteschi, raccontando, attraverso l’arte di Lorenzo Lotto, la vita del Cinquecento, la nostra storia, le nostre tradizioni. Un modo diverso anche per approfondire la conoscenza della propria città per chi quei Comuni li abita. Siamo giunti quasi a quota 10mila presenze, ce ne auguriamo di averne altrettante nelle prossime settimane”.
Secondo Stefania Monteverde, assessore alla Cultura di Macerata, “con Lorenzo Lotto, Macerata e la Marca Maceratese vincono una grande sfida, mettere al centro la cultura e l’arte, il capitale di questi territori. Non solo economia del turismo, ma anche etica della comunità. Chi arriva a Macerata scopre Lotto, musei civici innovativi, paesaggi d’incanto e una bella terra accogliente. Vi aspettiamo in molti”.
La mostra, promossa dalla Regione Marche con il Comune di Macerata e curata da Enrico Maria Dal Pozzolo, rappresenta l’occasione per ammirare oltre 20 dipinti autografi di Lotto, 5 disegni di sua mano, e alcuni inediti materiali documentari sull’attività dell’artista.

News Correlate