sabato, 20 aprile 2019

Bonisoli: inaspriremo le pene per i reati contro il patrimonio culturale

Un piccolo vaso per oli e unguenti, una brocca da vino e una terrina per i cibi: sono i tre reperti di epoca greca, trafugati dall’Italia, rintracciati e recuperati grazie alla collaborazione tra il Comando Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri e l’FBI. I manufatti sono stati restituiti a Washington nelle mani del ministro per i Beni e le attività culturali, Alberto Bonisoli.

“In questa occasione voglio annunciarvi che, nelle prossime settimane, sarà presentato, in Consiglio dei ministri, un disegno di legge di iniziativa governativa, in collaborazione con il ministero degli Esteri, quello della Giustizia e il dicastero che rappresento, per la ratifica della convenzione di Nicosia sui reati contro il patrimonio culturale” ha detto il ministro alla cerimonia di riconsegna, durante la quale sono stati celebrati gli oltre 15 anni di collaborazione tra Italia e Usa nel contrasto al traffico illegale di reperti trafugati”.

I tre reperti, ad aprile 2017, erano stati inseriti in un elenco di oggetti destinati alla vendita in una casa d’aste di New York. Grazie alle indagini portate avanti dai militari dell’Arma e grazie alla collaborazione con l’Fbi è stato possibile recuperare questi preziosi oggetti che erano stati immessi nel mercato da due noti trafficanti italiani.

 

 

 

News Correlate