Air Dolomiti: Lufthansa interessata ad Alitalia, ok solo a piccola partecipazione Stato

“Lufthansa è ancora interessata ad Alitalia. Al momento cerchiamo di capire cosa succederà. Abbiamo comunicato al governo il nostro interesse, siamo disposti a incontrare i ministri. Siamo la prima compagnia in Europa, con bilanci in attivo, possiamo essere un buon partner. Siamo totalmente disponibili a discutere, ma non vogliamo spingere perché sappiamo che il governo è impegnato su diversi dossier”. Lo afferma, in un’intervista a La Stampa, Joerg Eberhart, presidente di Air Dolomiti, compagnia del gruppo Lufthansa.

Per Eberhart occorre tagliare: “Alitalia ha bisogno di ridurre i costi, altrimenti il rischio è di andare avanti come ha fatto finora, cioè perdendo. I commissari straordinari hanno lavorato bene, riducendo i costi, ma non basta. Serve un intervento anche sul personale”.

Sull’ipotesi nazionalizzazione, “lo Stato non è mai un buon imprenditore. Ma capisco l’idea di nazionalizzare nelle circostanze attuali, dato che il tempo stringe. Lo Stato – osserva Eberhart – può sostenere per un periodo limitato di tempo la compagnia di bandiera, come è successo con la stessa Lufthansa negli anni Novanta. Ma deve essere un intervento temporaneo, durante il quale viene creato un piano industriale credibile e appetibile”. “Una partecipazione di minoranza dello Stato, dunque piccola – aggiunge – può portare dei vantaggi nelle relazioni con gli aeroporti, con gli enti locali e dà credibilità. Ma la governance deve essere in mano a privati”.    In merito al matrimonio tra Alitalia e le Ferrovie, “ci vorrebbero infrastrutture adeguate, tra stazioni e aeroporti, altrimenti senza intermodalità questo rapporto non funziona. Servirebbero dunque investimenti notevoli”, conclude.

News Correlate