lunedì, 23 settembre 2019

Alitalia non vola più su Olbia, incognita per Air Italy

Finisce la co-gestione Air Italy-Alitalia della continuità territoriale aerea dall’aeroporto di Olbia per Roma e Milano. Dopo aver operato per tre mesi senza incassare gli oneri, Alitalia si fa da parte. A Cagliari e Alghero si va avanti con la proroga del bando firmato a suo tempo dalla Giunta Pigliaru, mentre a Olbia si attendono le mosse di Air Italy e, soprattutto, della Giunta Solinas.

La compagnia nata da Meridiana con un ambizioso piano che punta a Malpensa e ai voli internazionali a lungo raggio, dovrà gestire la continuità territoriale da Olbia sino ad aprile. Ai timori di chi ciclicamente paventa il rischio che Air Italy delocalizzi la propria attività e lasci la Sardegna fanno da contraltare le recenti dichiarazioni di Brian Thomas Ashby, senior vice-president marketing&corporate communications del vettore, per il quale Olbia è il quartier generale della compagnia e la connessione della Sardegna un obiettivo prioritario.

Per l’aeroporto gallurese e per il trasporto aereo isolano sarà un autunno cruciale. Tutto dipenderà dalle scelte della Regione col prossimo bando per la continuità territoriale, dal quale potrebbero dipendere anche le scelte di Air Italy, che per il momento sta a guardare ma che vuole vederci chiaro dopo un’estate affrontata senza incassare oneri e un inverno molto difficile, data la stagionalità dello scalo olbiese. “Stiamo lavorando al nuovo bando, che dovrà restare pubblicato sei mesi”, dice l’assessore regionale dei Trasporti, Giorgio Todde, lasciando intendere che la Giunta Solinas ha fretta. “Attendiamo di poterci confrontare con governo ed Europa. L’accordo tra Air Italy e Alitalia è andato bene e in assenza di comunicazioni divergenti confidiamo che Air Italy resti a Olbia”.

 

News Correlate