Multa a Blue Panorama Airlines, pronto il ricorso al Consiglio di Stato

L’ordinanza assunta in via cautelare dal TAR Lazio, proprio in coincidenza con l’anniversario dei terribili attentati terroristici dell’11 settembre 2001, ha lasciato del tutto sorpresa Blue Panorama, la cui ‘policy sul nominativo’ oggetto di sanzione da parte dell’AGCM è improntata proprio alla attuazione scrupolosa delle norme cogenti in materia di sicurezza dell’aviazione civile che da tale tragico evento hanno avuto origine.

Sorprende, in particolare, che sia stato confermato il provvedimento dell’AGCM laddove in nessuna sua parte prende in considerazione tale normativa specifica, ed in primis il Programma Nazionale per la Sicurezza dell’Aviazione Civile. Ciò anche alla luce delle argomentazioni portate in sede di giustizia amministrativa dalla difesa avversaria in cui è stato espressamente riconosciuto come “non venga richiesto a Blue Panorama di non rispettare gli obblighi di sicurezza, consentendo l’imbarco a passeggeri non in regola con i documenti e con nominativi discordanti rispetto ai documenti di riconoscimento”.

Nel convincimento, dunque, che il comportamento sanzionato dall’AGCM sia invece non solo corrispondente ai canoni della corretta diligenza professionale, ma altresì improntato alla massima tutela del preminente interesse pubblico alla sicurezza dell’aviazione civile, Blue Panorama è pronta a far valere le proprie ragioni innanzi al Consiglio di Stato.

News Correlate