venerdì, 15 novembre 2019

Emirates: utile netto a 320 mln di dollari nel I semestre 2019-20

Emirates Group ha annunciato i suoi risultati semestrali per l’esercizio 2019-20. I ricavi del Gruppo sono risultati pari a 55,3 miliardi di Dirham (14,5 miliardi di Dollari) per i primi sei mesi dell’esercizio 2019-20, in calo del 2% rispetto ai 54,4 miliardi di Dirham (14,8 miliardi di Dollari) dello stesso periodo dello scorso anno. Questo lieve calo è dovuto principalmente alle riduzioni di capacità programmate durante i 45 giorni di chiusura della pista sud dell’Aeroporto Internazionale di Dubai (DXB) e a oscillazioni valutarie sfavorevoli in Europa, Australia, Sudafrica, India e Pakistan.

La redditività è aumentata dell’8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con un utile netto semestrale del Gruppo per l’esercizio 2019-20 pari a 1,2 miliardi di Dirham (320 milioni di US$). Il miglioramento dell’utile è dovuto principalmente al calo del costo del carburante del 9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ma il guadagno derivante dalla riduzione del costo del carburante è stato parzialmente neutralizzato da movimenti valutari negativi.

La posizione finanziaria del Gruppo al 30 settembre 2019 si attesta a 23 miliardi di Dirham (6,3 miliardi di Dollari), rispetto al livello di 22,2 miliardi di Dirham (6 miliardi di Dollari), registrato al 31 marzo 2019.

“Emirates Group ha registrato una performance costante e positiva nella prima metà del 2019-20, grazie all’adattamento delle nostre strategie per affrontare le difficili condizioni del mercato e l’incertezza sociopolitica che si riscontra su molti mercati di tutto il mondo. Sia Emirates sia dnata si sono impegnate a fondo per ridurre al minimo l’impatto del previsto rinnovamento delle piste dell’Aeroporto DXB sul nostro business e sui nostri clienti – ha detto Ahmed bin Saeed Al Maktoum, presidente e CEO, Emirates Airline and Group -. Il minor costo del carburante è stato un gradito sviluppo positivo, in quanto abbiamo visto la nostra bolletta del carburante diminuire di 2 miliardi di Dirham rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Tuttavia, le sfavorevoli fluttuazioni valutarie hanno cancellato circa 1,2 miliardi di Dirham dai nostri utili. Le prospettive globali sono difficili da prevedere, ma ci aspettiamo che le compagnie aeree e il settore dei viaggi continueranno ad affrontare venti contrari nei prossimi sei mesi, con una forte concorrenza che aggiungerà una ulteriore pressione al ribasso sui margini. Come Gruppo rimaniamo concentrati sullo sviluppo del nostro business e continueremo a investire in nuove capacità capaci di rafforzare il nostro organico e di consentirci di offrire prodotti, servizi ed esperienze ancora migliori per i nostri clienti”.

Il numero dei dipendenti di Emirates Group è rimasto sostanzialmente invariato rispetto al 31 marzo 2019, con un organico medio complessivo di 105.315 unità. Il dato è in linea con le capacità e le attività aziendali pianificate e riflette anche i diversi programmi interni volti a migliorare l’efficienza attraverso l’implementazione di nuove tecnologie e nuovi flussi di lavoro.

Nell’arco del primo semestre 2019-20, Emirates ha ricevuto 3 Airbus A380, e 3 nuovi aeromobili sono previsti in consegna entro la fine dell’esercizio 2019-2020. La Compagnia ha inoltre ritirato dalla flotta 6 aeromobili più vecchi, e altri 2 aeromobili saranno restituiti entro il 31 marzo 2020. La strategia di lungo termine della compagnia aerea prevede investimenti nei più avanzati aeromobili wide-body, al fine di migliorare l’efficienza complessiva, ridurre al minimo le emissioni e offrire ai clienti un’esperienza di alta qualità.

Emirates ha inoltre sviluppato la sua partnership con flydubai. Entrambe le compagnie aeree hanno continuato a sfruttare le loro reti complementari per ottimizzare gli orari dei voli e offrire nuovi collegamenti tra due destinazioni con scalo a Dubai, oltre a inaugurare nuove rotte tra cui Napoli (Italia) e Tashkent (Uzbekistan) nel primo semestre dell’esercizio 2019-20. I clienti beneficiano inoltre di ulteriori vantaggi con un unico programma di fidelizzazione nell’ambito di Emirates Skywards, mentre i passeggeri in coincidenza tra Emirates e flydubai possono sperimentare transiti senza soluzione di continuità con 22 voli flydubai che ora operano dal Terminal 3 di Emirates nell’Aeroporto DXB.

Emirates ha trasportato 29,6 milioni di passeggeri tra il 1° aprile e il 30 settembre 2019, con un calo del 2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; tuttavia, il rendimento per passeggero è aumentato dell’1% nel periodo in esame.

Nel primo semestre dell’esercizio 2019-20, l’utile netto di Emirates è stato di 862 milioni di Dirham (235 milioni di Dollari), in crescita del 282% rispetto all’anno scorso. I ricavi di Emirates, compresi gli altri redditi d’esercizio, pari a 47,3 miliardi di Dirham (12,9 miliardi di Dollari), sono diminuiti del 3% rispetto ai 48,9 miliardi di Dirham (13,3 miliardi di Dollari) registrati nello stesso periodo dello scorso anno. Questo risultato è stato trainato da una maggiore agilità nello sfruttamento della capacità, a fronte di una robusta domanda dei clienti per i prodotti Emirates che ha migliorato i fattori di riempimento e aumentato i margini.

I costi operativi di Emirates sono diminuiti dell’8%, a fronte di una diminuzione complessiva della capacità del 7%. In media, i costi del carburante sono diminuiti del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, principalmente a causa della diminuzione del prezzo del petrolio (- 9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), nonché di un minore consumo di carburante dovuto alla riduzione della capacità durante i 45 giorni di chiusura delle piste del DXB. Il carburante continua a essere la componente principale dei costi della compagnia aerea, rappresentando il 32% dei costi operativi rispetto al 33% del primo semestre dello scorso anno.

News Correlate