martedì, 17 settembre 2019

Il Gruppo Emirates annuncia i risultati finanziari per l’anno 2018/2019

Emirates Group ha annunciato il 31esimo anno consecutivo di profitti e costante espansione. Il Gruppo Emirates ha registrato un utile netto di 2,3 miliardi di Dirham (631 milioni di dollari USA) nell’ultimo anno fiscale, che finisce il 31 marzo 2019. Un risultato in calo del 44% rispetto allo scorso anno. Il fatturato del gruppo ha raggiunto 109,3 miliardi di Dirham (29,8 miliardi di dollari), con un aumento del 7% rispetto ai risultati dello scorso anno. Il saldo di cassa del gruppo è stato di 22,2 miliardi di Dirham (6 miliardi di dollari), un calo del 13% rispetto allo scorso anno, principalmente a causa degli ingenti investimenti nel business, incluse importanti acquisizioni e il pagamento del dividendo dello scorso anno di 2 miliardi di Dirham (545 milioni di dollari).

In linea con l’utile complessivo, il Gruppo ha dichiarato un dividendo di 500 milioni di Dirham (136 milioni di dollari) alla Investment Corporation of Dubai per il 2018/2019.

Nel 2018/2019, il Gruppo ha investito 14,6 miliardi di Dirham (3,9 miliardi di dollari) in nuovi aeromobili e attrezzature, nell’acquisizione di società, in strutture moderne, nelle ultime tecnologie e iniziative dello staff, il che implica un aumento significativo della spesa di investimento rispetto allo scorso anno pari a 9,0 miliardi di Dirham (2,5 miliardi di dollari).

A febbraio, Emirates ha annunciato l’acquisto di 40 A330-900 e 30 A350-900 per un valore di 21,4 miliardi di dollari a prezzi di listino in un accordo firmato con Airbus, rispettivamente per il 2021 e il 2024. La compagnia aerea riceverà, inoltre, altri 14 A380 dal 2019 fino alla fine del 2021, portando il suo portafoglio ordini A380 a 123 unità.

La capacità totale passeggeri e cargo di Emirates ha superato i 63 miliardi, arrivando a 63,3 miliardi di tonnellate Disponibili per kilometro alla fine del 2018-19, consolidando la sua posizione di compagnia aerea più grande al mondo. Emirates ha moderatamente incrementato la capacità rispetto all’anno fiscale 2017-18, registrando un +3%.

Emirates ha ricevuto 13 nuovi velivoli durante l’ultimo anno fiscale: 7 A380 e 6 Boeing 777-300ER, tra cui l’ultimo 777-300ER compreso nell’ultimo ordine. La prossima consegna di 777 è prevista nel 2020, quando Emirates riceverà il primo 777X.

Nel corso dell’anno, Emirates ha lanciato 3 nuove destinazioni: Londra Stansted (Regno Unito), Santiago (Cile) ed Edimburgo (Scozia), e ha ripristinato i servizi per il Sabiha Gokcen (Turchia). Inoltre, ha aggiunto capacità di volo a 14 destinazioni esistenti e potenziato la capacità verso sei città, offrendo ai clienti più scelta di orari e di connessioni.

A integrazione della crescita organica del network, Emirates ha ampliato la propria connettività globale e la proposta verso i clienti attraverso nuovi accordi di codeshare firmati con Jetstar Pacific e China Southern Airlines. Ha inoltre migliorato la sua partnership strategica commerciale con South African Airways.

La partnership Emirates-flydubai ha continuato a svilupparsi, con i clienti Emirates ora in grado di accedere ad altre 67 destinazioni servite da flydubai e usufruire di una maggiore connettività con 11 voli flydubai operanti dal Terminal 3 di Emirates. L’allineamento della partnership ha visto Emirates Skywards diventare il programma di fidelizzazione sia per Emirates che per flydubai.

Nel complesso, il traffico passeggeri è rimasto stabile, dato che Emirates ha trasportato 58,6 milioni di passeggeri (+ 0,2%). Con una capacità di posti in aumento del 4%, la compagnia aerea ha raggiunto un Passenger Seat Factor del 76,8%. Il leggero calo di questo indicatore, rispetto al 77,5% dell’anno scorso, riflette un rallentamento delle economie regionali sulla domanda di viaggi e una forte concorrenza in molti mercati.

News Correlate