martedì, 10 dicembre 2019

Ryanair, confermata la multa da 1,85 mln per caos voli 2017

È confermata la maximulta da 1.850.000 euro inflitta dall’Antitrust a fine maggio dello scorso anno a Ryanair, ritenendo scorretta la pratica commerciale relativa alla cancellazione di numerosi voli nel periodo settembre-ottobre 2017 per ragioni riconducibili a ragioni organizzative e gestionali. L’ha deciso il Tar del Lazio con due sentenze con le quali ha respinto altrettanti ricorsi proposti dalla compagnia aerea low cost di diritto irlandese.

Era il 20 settembre 2017 quando l’Antitrust comunicò a Ryanair l’avvio di un procedimento istruttorio – nato in seguito a una segnalazione dell’Associazione dei consumatori europei indipendenti-AECI – volto ad accertare la ricorrenza di una possibile pratica commerciale scorretta, consistente nella cancellazione di un numero rilevante di voli già prenotati e pagati dai consumatori per cause imputabili alla stessa società, nonché relativa alle modalità con cui erano stati informati i passeggeri. Il 29 maggio 2018 fu adottato il provvedimento sanzionatorio, poi contestato davanti al Tar del Lazio.

I giudici amministrativi, dopo aver confermato la competenza dell’Antitrust ad emettere provvedimenti in materia di pratiche commerciali scorrette, in un settore, quale quello della cancellazione dei voli e diritti dei passeggeri, in cui sarebbero attribuite all’Enac le competenze regolatorie e sanzionatorie, hanno ritenuto che “la cancellazione dei voli ha costituito l’inevitabile esito di una condotta non diligente del vettore aereo, che prima ha venduto i biglietti, senza aver correttamente verificato la possibilità di effettuare i voli corrispondenti, e poi li ha cancellati”. Quanto poi al ‘set informativo’ reso disponibile da Ryanair “non appare dubbio che l’accesso alle informazioni fornito individualmente ai consumatori o accessibile mediante il sito internet, omettesse o rendesse non facilmente accessibili le informazioni relative alla (sola) possibilità di ottenere la compensazione pecuniaria e alle modalità operative per ottenere la stessa”.

News Correlate