Imprese Ncc a rischio: Federnoleggio scrive al governo

“Chiediamo una proroga del periodo di transizione, concesso fino al 15 maggio, dell’esenzione delle sanzioni introdotte dall’articolo 10-bis della Legge 12/2019 e la riapertura di un confronto concreto di rivalutazione complessiva della legge quadro del settore che è stata completamente stravolta. Diversamente, si rischia di portare alla chiusura moltissime imprese Ncc che operano da decenni sul mercato, garantendo occupazione a decine di migliaia di persone”. Lo scrive il presidente di Federnonleggio Confesercenti Luigi Pacilli, in una lettera aperta al Governo.

“Senza rinvio ci troveremo di fronte ad una tragedia annunciata – afferma Pacilli – dovuta all’assurda imposizione dell’obbligo di rientro in rimessa al termine di ogni servizio di trasporto all’interno di una sola provincia. Obbligo di cui si pretende l’attuazione senza neppure prevedere un’armonizzazione territoriale delle autorizzazioni che garantisca una continuità imprenditoriale per le moltissime aziende che operano laddove maggiore è la richiesta”.

News Correlate