mercoledì, 18 settembre 2019

Più arrivi internazionali in Cina che in Italia: è avvenuto il sorpasso

Sono oltre 130 milioni i turisti cinesi che annualmente si recano all’estero per turismo o per lavoro. Di questi circa il 13% arriva in Europa e solo una piccola parte – 500-600 mila – degli 1,4 milioni che visitano il nostro Paese arriva direttamente in Italia. A scattare la fotografia del turismo del Paese del Dragone è uno studio di Cst-Confesercenti che l’ANSA pubblica in anteprima in vista dalla visita in Italia del leader cinese XI Jinping atteso giovedì 21 marzo. Esattamente, secondo i dati Istat, dalla Cina si registrano 3 milioni 77 mila arrivi e poco più di 5 milioni di presenze.

Ma anche la Cina come destinazione turistica presenta una crescita davvero “esplosiva”. “La Cina – spiega Damiano De Marchi, ricercatore del Ciset-Centro di Studi sull’Economia turistica – ha superato l’Italia per arrivi internazionali di turisti (con 60 milioni di arrivi contro 58,3 milioni) e Pechino è diventato il secondo aeroporto al mondo. Il Belpaese continua a essere nella mente dei turisti cinesi, ma non sempre questo sogno diventa realtà, perché la scelta si basa anche sulla facilità di raggiungimento e l’assenza di voli diretti penalizza moltissimo”.

Tutti i paesi europei rappresentano destinazioni potenziali del mercato cinese – emerge dallo studio di Cst-Confesercenti – e la loro modalità di visita è itinerante: 2-3 città per nazione e ripartono verso una nuova meta. L’Italia è il terzo paese più visitato e Roma è la seconda città più scelta, con arrivi in continuo aumento, assieme a Venezia (1 cinese su 5 pernotta in Veneto), Firenze e Milano. Le 10 destinazioni preferite sono state in ordine di visitatori: Francia, Germania, Italia, Spagna, Russia, Gran Bretagna, Svizzera, Grecia, Repubblica Ceca e Ungheria. Le prime 10 città per numero di visitatori sono Parigi, Roma, Praga, Mosca, la svizzera Interlaken, Vienna, Firenze, Venezia, Budapest e Barcellona.

Cst Confesercenti ha anche tracciato il profilo del turista cinese: interessati allo shopping e altospendenti, fortemente legati alle nuove tecnologie (con il telefono effettuano anche i pagamenti), amanti dei viaggi di gruppo o in famiglia. Il profilo medio del turista cinese in Italia è donna con un’età media superiore ai 50 anni, ma è in aumento anche il segmento dei giovani trentenni. In generale hanno una capacità di spesa elevata, ma sono anche esigenti.  Cercano il wi-fi in quanto eternamente connessi, personale che sappia la loro lingua (il mandarino), siti web nella loro lingua e dai servizi di mobilità locale. In generale, oltre l’80% dei viaggi all’estero è organizzato e intermediato da tour operator. Gli individuali, essenzialmente millennial, parlano in inglese e organizzano i servizi mediante l’uso delle piattaforme. Mediamente l’80% preferisce le sistemazioni in hotel.
E si registra un forte aumento dell’interesse verso una vacanza sempre più esperienziale, con un gusto per il pittoresco e con potenzialità per circuiti alternativi anche al mare (Napoli, Pompei, Costiera Amalfitana, Sicilia, colline del Chianti, laghi del Nord, Verona), crociere nel Mediterraneo, enogastronomia anche legata all’acquisto, wedding tourism.

News Correlate