giovedì, 21 novembre 2019

Il calcio fa viaggiare anche chi non si definirebbe un ‘super tifoso’

I fan del calcio arriverebbero in capo al mondo pur di vivere l’atmosfera elettrizzante di una bella partita. In attesa della finale di domenica a Parigi, uno studio di Booking.com ha scoperto che il 65% di chi ha viaggiato per sport lo scorso anno lo ha fatto per seguire un incontro di calcio.
Questo sport è risultato infatti il più amato in assoluto in tutto il mondo, tanto che il 22% dei suoi fan sarebbe addirittura disposto a intraprendere un viaggio di oltre 10 ore pur di essere accanto alla propria squadra del cuore. Eppure ben il 41% di loro non si definirebbe un ‘super tifoso’.

Il campionato internazionale di quest’estate in Francia ha risvegliato la rivalità tra le tifoserie dei diversi Paesi. Tuttavia, lo studio ha dimostrato che per nessuna delle nazionalità intervistate l’amor di patria era tra i primi motivi per cui si viaggia per sport.

Il 98% dei tifosi di calcio ha viaggiato per godersi l’atmosfera di questi incontri sportivi, e il 97% dichiara che questo tipo di viaggio lascia ricordi indelebili nel tempo. Per gli amanti del calcio ci sono quindi altri motivi, oltre all’identità nazionale, per viaggiare, e vedere di persona una partita è un’esperienza che va ben oltre lo sport stesso.

Infine, con quedtso studio, Booking.com vuole sottolineare cosa contraddistingue i fan dei diversi paesi. Gli spagnoli sono i tifosi di calcio più amichevoli: il 96% (la percentuale più alta tra le nazionalità incluse nello studio) dice che i viaggi di sport sono una buona occasione per passare del tempo tra amici, mentre il 92% pensa che siano anche un ottimo modo per fare nuove conoscenze. I tedeschi viaggiano per sport principalmente per godersi l’atmosfera (97%) e passare del tempo con gli altri tifosi (91%, la percentuale più alta tra gli intervistati). In Italia, il 50% dei viaggiatori per eventi sportivi si definisce un “fanatico del calcio”, ben 6 punti percentuali al di sopra della media europea. Gli inglesi sono la nazionalità più disposta a spendere di più per un viaggio di sport rispetto a ogni altro tipo di vacanza. Infatti il 26% (almeno il 13% in più di ogni altra nazionalità intervistata) dei tifosi di calcio dal Regno Unito dice di voler spendere di più per un viaggio al seguito di un evento sportivo, piuttosto che per una vacanza tradizionale. I francesi rappresentano la percentuale più alta (18%) dei tifosi di calcio che viaggiano da soli per partecipare a un evento sportivo (con almeno 7 punti percentuali in più rispetto alle altre nazionalità).

Tra le mete ideali per vivere la passione per il calcio i dati di Booking.com, suggeriscono Barcellona, Monaco di Baviera, Milano, Manchester, Lens.

News Correlate