Oltre il 50% degli italiani sceglie meta vacanze per mettersi in mostra su Instagram

eDreams rivela che gli italiani sono assuefatti ad Instagram, tanto da scegliere la propria vacanza in base alle immagini da postare. L’indagine in questione ha coinvolto 8.000 persone da Italia, Francia, Spagna, Regno Unito, Portogallo, Stati Uniti e Germania.

Dall’analisi emerge che gli italiani sono i più attenti a scegliere una location instagrammabile per le proprie vacanze (58%), un valore più alto rispetto alla media globale che si attesta al 44%. I più inclini a scegliere la vacanza in base a quanto verrà bene la foto su Instagram sono soprattutto gli uomini (59% contro il 56% delle donne), confermando anche la tendenza europea. Inoltre, sono anche quelli che più spesso ritoccano le foto.

Rispetto agli altri Paesi oggetto di indagine, gli italiani sono quelli che più amano postare foto legate alla natura. Nel dettaglio, sono le donne quelle che mostrano nelle foto che condividono un’anima riflessiva, pubblicando sul proprio profilo paesaggi e animali selvatici. Gli uomini preferiscono invece mostrare al mondo immagini di cibo, dell’hotel in cui soggiornano ed eventualmente dei compagni di viaggio.

Altro aspetto che emerge dalla survey è che i nostri connazionali sono tra i più sensibili ai consigli degli influencer. Queste fonti di ispirazione guidano in particolare le preferenze della generazione tra i 35 e i 44 anni: il 15% di questa categoria ha affermato di farsi suggerire dove andare da blogger e influencer, contro il 5% che indica i programmi televisivi come spunto per i propri viaggi. A sorpresa, i più giovani scovano invece la prossima meta sulle guide turistiche – lo dice il 24% dei ragazzi tra i 18 e i 24 anni, rispetto al 22% degli over 55. Interessante notare come i giovanissimi siano anche i più onesti nel rappresentare la propria esperienza di viaggio sui social: ben il 41% dei rappresentanti della generazione Z ha dichiarato di non aver mai ritoccato una foto postata su Instagram, mentre solo il 18% ha ammesso di farlo spesso.

Stringendo lo zoom sulle regioni, a Sud si è molto più attenti a scegliere la vacanza ‘da Instagram’ (63% degli utenti rispetto al 56% del Centro-nord e al 58% delle isole), e si assiste al successo degli influencer nella scelta della destinazione (14%). Il Nord Est è invece la patria dei post molto ritoccati (19% dei casi di ‘ritocco’, la più alta percentuale nazionale).

Osservando le abitudini degli altri Paesi, si evince che i viaggiatori meno vincolati alla scelta di mete a prova di social sono gli inglesi, che scelgono in modo indipendente nel 63% dei casi, seguiti dai tedeschi (57%) e dai portoghesi (48%).

Gli inglesi vincono il primato della sincerità, in quanto nel 72% dei casi non amano ritoccare le proprie foto, e sono anche quelli meno influenzabili dal tam tam digitale: il 15% di loro infatti, ha dichiarato di affidarsi al tradizionale passaparola nel determinare la destinazione di viaggio.

Il podio della vanità invece è assegnato agli americani: sono loro a ritoccare più frequentemente le proprie immagini (lo fanno nel 18% dei casi), seguiti da spagnoli (14%) e italiani (13%).

Un ultimo aspetto curioso è che, nonostante molti viaggiatori amino scegliere la destinazione delle proprie vacanze in base ai contenuti da postare sui social, spesso chi si ritrova sommerso dai post degli altri tende invece a pensare che questo sia solo un modo per vantarsi. I meno tolleranti sono proprio gli italiani, seguiti da inglesi e spagnoli: queste nazionalità sono infastidite da questo comportamento in media nel 40% dei casi.

News Correlate