Bankitalia: ancora in calo spese italiani all’estero

In ribasso del 6,5% anche la spesa degli stranieri che hanno soggiornato nel Belpaese per lavoro

Saldo netto positivo di 535 milioni di euro, a fronte di uno di 674 milioni di euro nello stesso mese dell'anno precedente per la bilancia dei pagamenti turistica nel mese di marzo di quest'anno.
Le spese dei viaggiatori stranieri in Italia, per 1.942 milioni di euro, sono diminuite del 7,7% mentre quelle dei viaggiatori italiani all'estero, per 1.408 milioni di euro, sono scese dell'1,6%. I dati arrivavano dalla Banca d'Italia, nel suo rapporto mensile sul turismo internazionale.   
Nel periodo gennaio-marzo si è registrato un avanzo di 960 milioni di euro, a fronte di uno di 848 milioni di euro nello stesso periodo dell'anno precedente. Le spese dei viaggiatori stranieri in Italia, per 5.093 milioni di euro, sono diminuite dell'1,8 % mentre quelle dei viaggiatori italiani all'estero, per 4.133 milioni di euro, si sono ridotte del 4,7%. 
Nel primo trimestre 2012 la spesa dei viaggiatori che hanno visitato l'Italia per motivi personali è cresciuta dello 0,2% rispetto allo stesso periodo del 2011, con un aumento del 3,2% del segmento "vacanze"; invece si è ridotta del 6,5% la spesa degli stranieri che hanno soggiornato nel nostro paese per motivi di lavoro.  Nello stesso periodo è diminuita del 9,9% la spesa dei viaggiatori italiani che si sono recati all'estero per motivi personali, con una riduzione del 13,3% del sottoinsieme "vacanze". Al contrario, la spesa dei viaggiatori italiani per motivi di lavoro è aumentata del 3,3%.

News Correlate