Le proteste fanno crollare i turisti ad Hong Kong: -43,7% a ottobre

Prosegue il calo dei turisti a Hong Kong: il mese scorso, infatti, le statistiche dell’Hong Kong Tourism Board (Hktb) hanno registrato una flessione del 43,7% su base annua a quota 3,31 milioni. Si tratta di un trend iniziato lo scorso luglio a causa delle proteste che proseguono anche in questi giorni: è così che, nei primi 10 mesi dell’anno il numero di visitatori nella città è sceso del 4,7% rispetto allo stesso periodo del 2018.

L’Hktb ha attribuito il crollo del mese scorso sia ai continui disordini sia al fatto che l’ottobre dell’anno scorso aveva segnato un numero di ospiti particolarmente alto per l’apertura dell’Hong Kong-Zhuhai-Macao Bridge e della sezione di Hong Kong del Guangzhou-Shenzhen-Hong Kong Express Rail Link. Il mese scorso i visitatori provenienti dal continente cinese, che rappresentano circa il 76% del totale, sono diminuiti del 45,9% su base annua. Allo stesso tempo, i turisti provenienti dagli Stati Uniti sono diminuiti del 38,2% rispetto allo stesso mese del 2018 e quelli dal Giappone del 44,9%.

News Correlate