martedì, 10 dicembre 2019

Francia fallisce obiettivo dei 100 milioni di turisti nel 2020

Rinviato di due anni l’obiettivo di raggiungere il record di 100 milioni di turisti stranieri nel 2020. La Francia si trova così a ridimensionare il progetto che viene “rinviato” dalle autorità, in attesa di “una congiuntura migliore”, all’orizzonte 2022. Le cause indicate dal ministero del Turismo sono la crisi dei gilet gialli che ha tenuto lontani gli stranieri e la Brexit, che ha colpito il tasso di cambio della sterlina.

Il target dei 100 milioni di turisti (nel 2018 se ne sono contati 89) era stato fissato dal governo nel 2014, prima dell’ondata di attentati terroristici del 2015, che fecero calare sensibilmente l’affluenza. La ripresa, appena iniziata, lasciava ben sperare ma “gli indicatori dei primi mesi del 2019 fanno presagire una diminuzione della frequentazione turistica internazionale nel primo semestre”. Tendenza che, secondo il governo, si spiega “ampiamente con i movimenti sociali su scala nazionale che hanno colpito il paese ad inizio anno e che hanno avuto un impatto sulle prenotazioni a medio e lungo termine, così come gli effetti del calo della sterlina, essendo la Gran Bretagna il nostro primo mercato turistico”.

News Correlate