martedì, 19 febbraio 2019

Jfk, il Paris Café torna a nuova vita al TWA Hotel grazio allo chef Vongerichten

Lo chef stellato Jean-Georges Vongerichten aprirà la prossima primavera il suo nuovo Paris Cafè nell’Hotel TWA che occuperà l’iconico ex terminal curvilineo della defunta linea aerea disegnato dall’architetto finlandese Eero Saarinen. Il ristorante servirà colazione, pranzo e cena, snack e cocktail a prezzi nella fascia media per la città di New York. Le uniformi del personale saranno ispirate alle uniformi dell’aerolinea, spesso disegnate dai nomi più glamour della moda del tempo come Pierre Balmain o Valentino. Il nuovo locale da 200 coperti occuperà gli spazi dell’originario Paris Cafè e della adiacente Lisbon Lounge chiuse dal 2001. Sedie e tavoli saranno firmati Saarinen mentre posate e i piatti riprenderanno quelle create dal designer industriale parigino Raymond Loewy.

L’ingresso di Vongerichten nell’iniziativa è all’insegna della nostalgia e dalla voglia di riportare la magia e il glamour dell’epoca d’oro del volo, quando ‘ci si vestiva’ per andare in aeroporto e il cibo di bordo era una parte integrante dell’esperienza di viaggio.
Il nome Paris Cafè ha una valenza speciale anche per lo star-chef, nato e cresciuto alla periferia di Strasburgo e formato nella cucina francese classica all’Auberge de I’lll in Alsazia prima di sviluppare un interesse per l’estremo oriente. Oggi fanno capo a Vongerichten 36 ristoranti in tutto il mondo tra cui Jean George, Spice Market e ABC Kitchen a Manhattan e Mercato a Shanghai. Lo chef ha due stelle Michelin ed e’ uno dei pochi a New York a conservare quattro stelle del New York Times.
“In tutto il mondo Jean Georges è celebre per i piatti deliziosi e il servizio impeccabile – ha detto Tyler Morse, l’imprenditore del TWA Hotel – Sarà perfetto per resuscitare il leggendario Paris Cafe’ per i nostri ospiti e i viaggiatori che passano per JFK”.
Collegato con il Terminal 5 della linea budget Jet Blue attraverso gli iconici tunnel resi celebri da Hollywood nel 2002 con ‘Catch me if You Can’ di Leonardo di Caprio, il Terminal TWA è in disuso da 18 anni. TWA Hotel avrà 512 camere ultrasilenziose grazie a finestre a sette strati, un fitness center, piscina sul tetto con vista sulle piste e un piccolo museo dedicato alla TWA e al design modernista degli anni Cinquanta. Alle spalle dell’edificio di Saarinen è stato parcheggiato sulla pista un Lockheed Constellation del 1958 soprannominato Connie: nei piani di Morse sarà convertito in cocktail lounge.

News Correlate