venerdì, 20 settembre 2019

Al via il Forum sul turismo in Puglia

Rutelli e Paolini: “Al Sud rimane ancora il problema infrastrutture”

Raccolte circa 700 adesioni per il primo Forum regionale del turismo in Puglia promosso dall’assessorato regionale al Turismo e dall’industria alberghiera che si è inaugurato stamattina a Bari. Previste diverse sessioni di lavoro sino a domani, oltre a una serie di iniziative che si svolgeranno nell’arco di un anno. Contemporaneamente quattro gruppi di lavoro e 14 ‘focus group’ opereranno su altrettante problematiche specifiche legate al turismo. In apertura, in un intervento videoregistrato mandato in onda, il coordinatore nazionale degli assessori regionali al Turismo, Enrico Paolini, ha sottolineato la necessità che “il campo dei prodotti turistici comprenda l’offerta di pacchetti turistici competitivi”, e che questo “richiede di alzare gli standard di qualità”. Per Paolini, “il turismo oggi deve fare i conti con l’apertura dei mercati internazionali, e quindi uno dei problemi è anche come far arrivare gli stranieri in Italia e in Puglia. Per il Sud c’è un problema in più da superare legato alle infrastrutture e ai trasporti, anche attraverso un migliore utilizzo degli aeroporti”. Alle parole di Paolini fanno eco quelle del vicepresidente del consiglio dei ministri e ministro ai beni culturali e al turismo, Francesco Rutelli: “Quella delle infrastrutture rimane una debolezza critica ma sappiamo anche che proprio grazie ad un rilancio del comparto turistico è possibile disegnare un progetto di sviluppo complessivo che passi anche e soprattutto dal potenziamento infrastrutturale”. “Compito del Governo – ha concluso Rutelli nel messaggio inviato al Forum – deve essere quello di accompagnare e coordinare gli sforzi delle regioni, e in particolare di quelle del Sud, che dalla risorsa turismo possono trarre un elemento prezioso per la crescita economica e l’occupazione”.

News Correlate

  • Sylvestre Bonnard

    il turismo in Puglia deve naturalmente fare tesoro delle sue straordinarie risorse naturali storiche e culturali, ma anche puntare su un’accoglienza profesionale e di qualità. è quello che cerchiamo di fare ogni giorno a Le vie di Omero Residence a Torre dell’Orso https://leviediomero.com