Al via il Salone di Genova: in vetrina la nautica, settore che cresce a 2 cifre

Primo giorno sotto il sole a picco e con la presenza del ministro alle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli per la 58esima edizione del Salone Nautico. Il ministro porta buone notizie per la nautica, con l’annuncio che a ottobre sarà approvato e varato il Sistema informatico integrato per la nautica da diporto, una sorta di registro come quello delle auto, finalmente telematizzato.
E il primo giorno si apre anche con un ritocco al rialzo del numero degli espositori: 951 invece dei 948 annunciati. “Il Salone è il banco di prova per Genova, ma anche per Ucina – ha detto Carla Demaria, presidente di Ucina Confindustria Nautica -. Nessuno ha disdetto, anzi, nelle ultime ore si sono aggiunti tre espositori. È il segnale migliore”.
I numeri sono tutti in crescita: cresce il mercato, aumentano gli espositori e il mercato interno cresce più di quello globale. Nel 2017 il fatturato complessivo della nautica in Italia è stato di 3,88 miliardi di euro, +12,8% sul 2016 (+60% se confrontato con i 2,43 miliardi del 2013) è scritto nell’ultimo rapporto di Ucina presentato al Salone. Una crescita a due cifre per il terzo anno consecutivo “a conferma che quando vogliono gli italiani fanno miracoli, questa ne è la prova” aggiunge Demaria.
Molto ottimismo ed energia perchè nessuno dimentica la tragedia del crollo di ponte Morandi, ma l’esordio del Nautico è il banco di prova proprio per il rilancio. “Sentiamo fortissima la responsabilità, su due fronti, verso gli espositori del settore per mantenere una vetrina così importante e verso la città del cui rilancio siamo diventati il simbolo” aggiunge la numero uno di Ucina.
Dal canto suo, il sindaco Marco Bucci candida Genova ad essere la capitale della blue economy a livello nazionale e europeo. “Con il Salone Nautico Genova dimostra che la città è sempre grande – sottolinea – sa fare cose che altre città non riescono a fare”.

News Correlate