4 new entry italiane per Relais et Châteaux

La catena di alberghi e residenze esclusive Relais et Châteaux festeggia i 65 anni con 4 nuovi ingressi in Italia e altri 6 nel resto del mondo. Si tratta della ‘Taverna Estia’ dei fratelli Mario e Francesco Sposito di Napoli, 2 stelle Michelin, del ristorante ‘Qaudri’ di Venezia, una stella Michelin, mentre è un rientro quello dei fratelli Alajmo de ‘Le Calandre’, 3 stelle Michelin, a Sarmeola di Rubano (Padova). Da giugno, poi, entra l’hotel ‘Plaza e de Russie’ a Viareggio (Lucca).

L’annuncio è stato dato dal presidente Philippe Gombert, che ha incontrato a Milano gli affiliati della regione Italia e Mediterraneo, che comprende altri 7 Paesi.

“L’Italia – ha spiegato Gombert – è la seconda delegazione degli associati di Relais et Châteaux, raggruppati su base regionale”. Prima è la Francia che “è stabile da più di 40 anni a 150 dimore”. Il fatturato cumulato dei 580 associati è stato di 2,3 miliardi di euro nel 2017. L’Associazione ha raccolto nel 2018 150 milioni di euro di commissioni di prenotazione (+8%) e 22 milioni dalla vendita di cofanetti.

Relais et Château conta 580 associati in oltre 60 Paesi, 100 ristoranti senza camere e 480 tra hotel e resort, alcuni dei quali hanno più di un ristorante. Ha un sito in cui sfogliare il tradizionale catalogo ed effettuare prenotazioni, ha predisposto 5 video su altrettante dimore in Giappone, Usa, Francia, Regno Unito e Argentina, ed è presente sui social network. I 49 associati italiani si sono rivolti ad Adecco per selezionare collaboratori, con 2.768 curricula consegnati nel 2018, 1.331 colloqui e 31 candidati selezionati e assunti.

News Correlate