Alle Maldive si cerca l’isola deserta, boom per le guesthouse    

È boom per la richiesta di isole deserte alle Maldive, cioè di lingue di sabbia con la classica palma in mezzo dove trascorrere vacanze esclusive e molto economiche. Lo testimoniano anche i dati del ministero del Turismo maldiviano che nel 2018 ha rilevato un incremento di turisti del 10,5% rispetto al 2017 e una forte crescita di flussi verso le guesthouse, cioè le piccole strutture gestite dalla popolazione locale, su isole abitate dai maldiviani.

“Un’esigenza espressa soprattutto dagli italiani – spiega Waheed Mohamed, presidente di North Maldives, associazione maldiviana che sta sviluppando proprio le vacanze sulle isole deserte – molte coppie, ma anche famiglie con figli, vogliono trascorrere le giornate in piccoli isolotti dove non c’è nulla e nessuno, lontani da tutto e da tutti. Una esperienza molto romantica, per le coppie, ma anche molto bella per le famiglie, che possono esplorare luoghi selvaggi e una natura incontaminata, sapendo che ogni sera anno il comfort e i servizi di una guesthouse. Per questa ragione la nostra associazione si è specializzata sulle isole deserte maldiviane e in particolare il Nord delle Maldive, un’area dove il turismo non è ancora arrivato”.

North Madives risponde quindi all’esigenza costantemente crescente di trascorrere una vacanza esclusiva su piccoli anelli di corallo che affiorano dal blu dell’oceano, ma senza altri turisti attorno.

www.northmaldives.com

News Correlate