Aviareto iscrive milionesimo aereo nel registro internazionale Icao

Il milionesimo aeromobile è stato iscritto nell’International Registry of Mobile Assets di ICAO (Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile) da Aviareto, la joint venture stretta da SITA, il fornitore globale di tecnologia per il trasporto aereo, con il Governo Irlandese.

Aviareto gestisce il registro dal 2006, dopo essersi aggiudicato una gara d’appalto a livello mondiale indetta da ICAO. Il registro si basa su una piattaforma software realizzata da SITA, che risponde ai più elevati standard di sicurezza ed è utilizzata da locatori, compagnie aeree, banche, soggetti privati, società e studi legali di tutto il mondo. Ad oggi Aviareto ha registrato beni per un valore superiore ai 500 miliardi di dollari.

La registrazione di un aeromobile sul registro permette di definire con chiarezza tutti gli aspetti finanziari che lo riguardano, riducendo i rischi correlati ai finanziamenti degli asset e, a sua volta, i relativi costi.

La base per l’International Registry of Mobile Assets è il Trattato di Città del Capo, adottato nel 2001 da ICAO e UNIDROIT, che per facilitare il finanziamento, il leasing e la vendita di aerei, motori ed elicotteri, ne prevede l’inclusione in un unico registro mondiale tramite la catalogazione elettronica degli interessi finanziari.

“SITA è controllata da più di 400 membri del settore del trasporto aereo, tra cui le compagnie aeree leader a livello globale. Aviareto, la nostra joint venture con il Governo irlandese, dà un valore reale all’intera industria del trasporto aereo contribuendo a velocizzare l’acquisizione e il trasferimento di velivoli in tutto il mondo. Questo è particolarmente importante per l’industria del trasporto aereo, che vive una continua crescita”, ha detto Barbara Dalibard, CEO di SITA.

La piattaforma alla base del Registro è stata sviluppata ed è gestita nel centro di sviluppo a Letterkenny, nel Donegal, dove SITA può contare su un team di 140 specialisti che forniscono tecnologie di livello mondiale e indispensabili a compagnie aeree, aeroporti e agenzie di frontiera governative fino in Asia, Australia, Africa, Medio Oriente e il continente americano. Il fatto che il registro sia gestito dall’Irlanda fa sì che tutte le relative azioni legali vengano discusse davanti alla High Court of Ireland.

News Correlate