giovedì, 21 novembre 2019

Grab è disponibile nei paesi del Sud-Est asiatico tramite l’app di Booking

Booking.com lancia il servizio on-demand di taxi e altri trasferimenti in collaborazione con Grab, permettendo così agli utenti di accedere alla più grande flotta di autisti in oltre 8 Paesi del Sud-Est asiatico. Oltre a segnare il debutto dell’azienda nel settore del ride-hailing, l’iniziativa metterà in contatto i viaggiatori che visitano Cambogia, Indonesia, Malesia, Myanmar, Singapore, Thailandia, Vietnam e Filippine con autisti locali che forniscono corse on-demand, tramite un’app già ben conosciuta e affidabile. Il servizio rimuove l’ostacolo rappresentato dall’usare una valuta monetaria e una lingua diversa, che può scoraggiare molti visitatori dal scegliere le opzioni di trasporto locali.

Entrambe le aziende sono già conosciute per il loro impegno nel voler dare ai viaggiatori più libertà e indipendenza tramite l’uso di tecnologie innovative, pensate principalmente per i dispositivi mobili. 130 milioni di persone visitano il Sud-Est asiatico ogni anno e l’unione di Booking.com e Grab è la soluzione ideale per trovare gli strumenti necessari per vivere le mete visitate proprio come la gente del posto.

Accesso a milioni di autisti su Grab: opzioni di trasporto sicure, comode e convenienti in tutto il Sud-Est asiatico, per un servizio senza precedenti.
Pagamenti digitali via app, nella valuta dell’utente: ancora più sicurezza e tutela, zero stress o barriere linguistiche, e tutta la convenienza di poter pagare online nella valuta locale.
Assistenza Clienti nella lingua dell’utente: la soluzione ideale per gestire al meglio le aspettative e risolvere ogni eventuale problema.
Funzionalità “tutto in uno”: un’unica app per gestire viaggio e soggiorno da un unico strumento, senza dover scaricare altre app poco conosciute.
Velocità e affidabilità: per risparmiare tempo nella fase di ricerca e organizzazione, e dedicarlo invece a godersi il viaggio stesso.
Sicurezza: i viaggiatori possono stare senza pensieri, dato che tutti i autisti Grab sono registrati e passano attraverso severi controlli e verifiche.

Da oggi gli utenti che usano l’app di Booking.com possono accedere ai servizi Grab a Singapore ed entro la fine dell’anno anche in Thailandia e Indonesia. Inoltre, all’inizio del 2020 il servizio sarà accessibile in Cambogia, Malesia, Myanmar, Vietnam e Filippine.

Il 70% delle corse di ride-hailing a livello globale avvengono in Asia, quindi è ben comprensibile come il Sud-Est asiatico, con il suo amore per la tecnologia mobile, sia il mercato perfetto per l’espansione di questo tipo di servizio. In quest’area geografica infatti la copertura WiFi è già quasi onnipresente e si prevede che l’utilizzo dello smartphone triplicherà entro la fine del 2021.

News Correlate