martedì, 22 ottobre 2019

Natale, luci e ombre per gli operatori

Assoturismo lancia l’idea di rateizzare la vendita dei pacchetti turistici

Un Natale fatto di luci e ombre, quello che si avvicina, secondo gli addetti ai lavori. Più ombre che luci per Telefono Blu, che parla di un decremento almeno del 5% dei viaggi prenotati rispetto allo scorso anno. Contenuta la perdita per le località sciistiche, intorno al 2% e in leggero calo città d’arte e capitali europee. Per Claudio Albonetti, presidente di Assoturismo-Confesercenti, il momento è difficile. “Le famiglie italiane non utilizzeranno la tredicesima per fare periodi di vacanza – osserva – e infatti sono diversi i gruppi familiari che utilizzano quelle somme di denaro per mutui o acquisti di oggetti a rate. Pertanto, se il turismo non prevede forme di ‘rateizzazione’ sarà in subordine rispetto ad un qualunque oggetto pagato a rate”. Positive, invece, le previsioni elaborate da Astoi. Per il direttore Alberto Corti, le prospettive sono buone, sia in termini di fatturato che di prenotazioni. Inoltre, alcune nuove mete che erano state scelte lo scorso anno “sono state sottovalutate o sopravalutate e quindi generalmente i turisti hanno preferito tornare alle vecchie destinazioni”. Trend “leggermente positivo” anche per il direttore di Assotravel, Francesco Granese, secondo il quale la fascia molto alta della popolazione ha già prenotato le località esotiche, come le Maldive, o le più prestigiose destinazioni di montagna, come Cortina, mentre, per chi vuole ugualmente spostarsi ma ha budget minori, la scelta ricadrà sulle città d’arte italiane, gli agriturismo o le capitali europee.

News Correlate