mercoledì, 16 ottobre 2019

Scoprire l’Alto Monferrato con #THINKSERRAVALLE.

L’autunno è l”occasione giusta per una gita fuori porta o un weekend romantico a meno di 100 km da Milano e Torino. E il comprensorio dell’Alto Monferrato è la meta ideale per scoprire un angolo di Piemonte, ancora genuino ed autentico, con gli itinerari e le attività su misura organizzati da #THINKSERRAVALLE.

Con #THINKSERRAVALLE, progetto collettivo di promozione turistica dell’Alto Monferrato, si può organizzare una piccola fuga dalle principali città del Piemonte e della Lombardia – a meno di 100 km di distanza – per rilassarsi e dedicarsi alle proprie attività preferite, tra le dolci colline comprese tra Gavi, Novi Ligure e Serravalle Scrivia. Il tutto a condizioni decisamente favorevoli grazie al sistema di convenzioni attivate da #THINKSERRAVALLE che garantisce tariffe scontate e la possibilità di accedere a esperienze esclusive. (www.thinkserravalle.it per navigare tra la selezione delle migliori strutture ricettive, sportive, vitivinicole, culturali chiamate a essere parte di questo progetto e info@thinkserravalle.it per chiedere informazioni e costruire il proprio itinerario “su misura”).

Per chi ama trascorrere il proprio tempo all’aria aperta, ci sono diversi percorsi di trekking e strade da percorrere in bicicletta con un esperto accompagnatore. Strade e sentieri che si snodano tra cantine, vigne e castelli, per scoprire tutta la meraviglia delle colline dove nasce il vino Gavi. Le stesse strade solcate da Fausto Coppi e Costante Girardengo che in queste zone sono nati e si allenavano. A Novi Ligure c’è il museo dedicato ai campionissimi e a Castellania la casa/museo di Fausto Coppi.

Nel comprensorio dell’Alto Monferrato ci sono 3 Green da 18 buche dove è possibile fare lezioni personali su pitch e pad con maestri federali, all’interno di resort immersi in dolci colline che in questa stagione assumono i bellissimi colori dell’autunno.

Autunno, tempo di tartufi. Si può partire in jeep con un vero trifolao e il suo fidato cane alla ricerca di uno dei frutti più pregiati del Piemonte e portarsi a casa il proprio bottino. Oppure gustare il tartufo e le altre prelibatezze enogastronomiche della zona, una cucina di confine tra Piemonte e Liguria, nei tanti agriturismi, trattorie e ristoranti attivi in zona, per ogni tipo di esigenza e di budget fino a resort di lusso con SPA.

Da non perdere, per gli appassionati di storia, una visita guidata a Libarna, la cosiddetta ‘piccola Roma’, la principale area archeologica del Piemonte. Inoltre degustazioni guidate nelle cantine del Consorzio di Tutela del Gavi, il grande bianco piemontese da uve cortese accompagnate dalle prelibatezze della cucina del territorio, un mix di saperi e sapori tra Piemonte e Liguria.

Infine, un salto al Serravalle Designer Outlet è d’obbligo per visitare i propri negozi preferiti. Con #THINKSERRAVALLE si ha anche diritto al ‘Fahion Passport’ (sconto ulteriore del 10% sui prezzi Outlet nei negozi aderenti).

Il tutto nel raggio di pochi chilometri, in un angolo di Piemonte ancora genuino ed autentico per scoprire gli “ingredienti” del territorio – natura, charme, cultura, design, sport e piaceri della tavola – che insieme danno vita a quel terroir del basso Piemonte che si sta sempre più affermando come nuova meta attrattiva del Nord Italia, come testimonia la guida dei “Best in Travel 2019” di Lonely Planet che indica il Piemonte come migliore regione da visitare nel 2019.

News Correlate