giovedì, 17 ottobre 2019

Treni storici, crescono i passeggeri in Piemonte, +45% nel 2019

La Fondazione FS ha consegnato tre carri di treni degli anni ’20 del ‘900 al presidente del Museo Ferroviario Valsesiano, Vincenzo Di Benedetto. Alla cerimonia erano presenti l’assessore alle Infrastrutture e Trasporti della Regione Piemonte Marco Gabusi e il dg della Fondazione FS Luigi Cantamessa che, a bordo del treno storico in viaggio da Torino a Varallo Sesia, ha tracciato un bilancio del 2019.

“Siamo molto soddisfatti – ha detto Cantamessa – la Regione ha investito risorse per finanziare un nutrito programma di 34 treni storici dedicati al turismo. Sono stati riaperti 41 km della Asti-Castagnole delle Lanze-Nizza Monferrato, chiusa dal 2012. Con la Ceva- Ormea e la Novara-Varallo, aumenta il numero delle ferrovie riaperte a fini turistici nell’ambito del progetto nazionale ‘Binari senza tempo’. Si è evitata la perdita di un enorme patrimonio storico”.

Nel 2019 i passeggeri dei treni storici sono stati finora 4.500, +45% rispetto allo stesso periodo del 2018.

News Correlate