martedì, 19 febbraio 2019

Piemonte da record dopo le Olimpiadi

E per la promozione dei borghi arrivano le bandiere arancioni Touring Club

La Regione Piemonte punta per continuare sulla strada del rilancio due programmi di promozione territoriale. Uno di livello internazionale, con una campagna itinerante che porta le eccellenze piemontesi, specialmente quelle culinarie, in visita nelle maggiori città internazionali e italiane e uno a forte caratterizzazione locale, che per la prima volta tramite l’adesione al progetto del Touring delle Bandiere Arancioni, punta alla promozione dei piccoli borghi. L’obiettivo è presto detto: non disperdere quel patrimonio di turisti arrivato in Piemonte dopo le Olimpiadi del febbraio 2006. “Nel 2005 abbiamo avuto un flusso di 10 milioni di persone – ha dichiarato con entusiasmo l’assessore regionale al Turismo, Giuliana Manica – mentre quest’anno in soli 10 mesi lo abbiamo già superato”. Così dopo che nel 2005 gli esercizi ricettivi sono cresciuti del 12,28%, con un incremento dei posti letto del 6,37%, nei due mesi estivi Torino e la Valle Olimpica hanno registrato una media giornaliera di 40mila visitatori, le strutture del Verbano-Cusio-Ossola hanno registrato il 95% di occupazione degli alberghi, contro la media degli anni passati del 60%, nell’Alessandrino si è avuto un aumento del 10% di arrivi negli agriturismi e non di meno ha fatto l’Astigiano con una crescita di presenze tra il 5 e il 10%.

News Correlate